BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anticipate ultime notizie quota 100, contributivo, part time con leggi in riforma pubblica amministrazione e scuola

Il dibattito sulla riforma, tra cui quello sulle pensioni, entrerà presto nel vivo. Quali sono le novità da mettere in conto?




Le prossime settimane potrebbero portare qualche schiarita sulla riforma pensioni. Secondo novità e ultime notizie, Tito Boeri, presidente dell'Inps, presenterà entro fine mese il suo piano di proposte. Qualcosa è già iniziato a trapelare ovvero la sua contrarietà all'applicazione di quota 100 ovvero la somma fra età anagrafica ed età contributiva da raggiungere per andare in pensione, alla staffetta generazionale per legge e all'introduzione di una penalizzazione massima dell'8% per chi si ritira prima. Sul tavolo del ragionamenti rimane la strada del ricalcolo dell'assegno per tutti sulla base dei contributi versati.

Il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, non esclude un bonus a favore degli over 50 senza lavoro: "Questo in Europa è il problema dei problemi, tant'è che ne abbiamo già discusso a lungo al Consiglio europeo. Però la definizione di over 50 è un po' troppo generica: un conto è un lavoratore di 50 anni rimasto senza lavoro e un altro conto è parlare di un 62-63enne a cui mancano pochi anni per la pensione. Per cui credo che il problema vada spacchettato". Naturalmente c'è poi la riforma della pubblica amministrazione, rispetto a cui sono ancora in ballo i temi della staffetta generazionale da legare al part time volontario per i lavoratori più anziani.

Fari puntati anche sulla riforma della scuola, anche per via degli emendamenti presentati dal Movimento 5 Stelle e da Sinistra Ecologia e Libertà per la risoluzione della vicenda dei quota 96 ovvero quei lavoratori che, nonostante il compimento di 61 anni d'età e il raggiungimento di 35 anni di contributi previsti dalla normativa di riferimento, non sono andati in pensione a causa dell'introduzione delle norme contenute nell'attuale impianto normativo, che non hanno tenuto conto della peculiarità del calendario scolastico. Fino a questo momento, tutti i tentativi sono caduti nel vuoto per assenza di coperture economiche.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il