BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riforma pensioni: contrari a modificare legge attuale crescono anche tra chi era favorevole prima

Il dibattito sulla riforma pensioni si sta caratterizzando per le tante posizioni differenti sui modi di intervento.




Quale riforma pensioni? Che direzione prenderà il sistema previdenziale? Secondo novità e ultime notizie, ci saranno quei cambiamenti che renderanno meno rigido l'intero impianto? Di certo non ci sono solo ragioni di ordine economico a frenare l'introduzione di modifiche. La volontà politica è decisiva, ma a quanto pare non c'è uniformità di vedute. Basti leggere le recenti dichiarazioni di Pier Carlo Padoan, ministro dell'Economia, che ha frenato rispetto alle ultime aperture: "Abbiamo un sistema stabile e sostenibile, il sistema pensionistico italiano è uno dei più stabili e sostenibili d'Europa, anche se gli altri Paesi non amano riconoscerlo. Perciò, toccare questa struttura va fatto con estrema attenzione va fatto con estrema attenzione".

Chi aspettava qualche risposta dal recente incontro tra il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliani Poletti, e le organizzazioni sindacali, è rimasto deluso. Nulla è stato deciso: si è trattato solo di un incontro interlocutorio a cui ne seguiranno altri. Sembra però che tra le possibilità debbano scartare quella dell'assegno universale, su cui il premier Matteo Renzi ha mostrato la sua decisa contrarietà. Nel corso del mese è attesa la presentazione del piano di riforma di Tito Boeri, presidente dell'Inps, che ha già detto no alle ipotesi di introdurre la staffetta generazionale per legge e di applicare la cosiddetta quota 100, come somma di età anagrafica e anni di contribuzione, per congedarsi dal lavoro.

C'è stata però un'apertura per il ricalcolo degli assegni previdenziali con il metodo contributivo, meno vantaggioso economicamente per i lavoratori, su cui però lo stesso ministro Poletti non ha nascosto le sue perplessità. Insomma, siamo davanti a un bel rebus, in cui emergono difformità anziché uniformità di vedute.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il