BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Novità pensioni piano INPS Boeri, riforma fisco e tasse, quota 96, indulto, 730 2015 proroga, studi settore martedì oggi 23 Giugno

Le novità ad oggi martedì 22 giugno 2015 del governo Renzi tra questione previdenziale e carceraria, aggiornamenti proroga Unico e 730 2015 e riforma scuola. Le novità




Tra discussioni di questione previdenziale, questione carceraria e riforma della Scuola, il governo Renzi continua ad essere particolarmente impegnato su diversi fronti. E diversi aggiornamenti arrivano anche per quanto riguarda le richieste di proroga di Unico e 730 2015. Vediamo le novità oggi martedì 22 Giugno 2015

Pensioni: Si preannunciano diversi importati appuntamenti per la settimana alle porte, alcuni che potrebbero rivelarsi decisivi per capire come proseguirà il dibattito sulla questione previdenziale. Domani, innanzitutto, lunedì 22 giugno, è in programma una nuova riunione dell’Eurogruppo che discuterà della crisi greca e sarà importante per capire il futuro del Paese ma anche di quei 40 miliardi di euro prestati alla Grecia dall’Italia per evitarne il fallimento. Una cifra considerevole che se non dovesse essere restituita chiuderebbe le porte a qualsiasi possibilità di nuova manovra. Ma tra gli appuntamenti più attesi c’è la presentazione del piano di interventi pensionistici annunciato dal presidente dell’Inps, Tito Boeri. Le misure che avrebbe dovuto contenere sembravano certe fino a qualche giorno fa, fino a quando cioè Boeri stesso e premier Renzi non hanno fatto dietrofront su diversi punti. Boeri, infatti, ha chiaramente detto no a quota 100, piano Damiano-Baretta, staffetta generazionale, spiegando che si tratta di piani che richiedono cifre elevate, parlando di 8,5 miliardi necessari per l’uscita a 62 anni di età con 35 anni di contributi e penalizzazioni, e di 10,6 miliardi di euro, fino al 2019, per la quota 100; e il premier Renzi non ha fatto un passo indietro sull’assegno universale giudicandolo incostituzionale. Restano dunque in ballo ricalcolo contributivo e proroga del contributivo donna, cui, però, Boeri ha aperto.

Riforma piani scuola: Ancora aperta la querelle sulla riforma della Scuola e il Pd sull’approvazione del ddl che martedì arriva in Commissione Istruzione del Senato. Si punta ad approvare la riforma entro metà luglio in modo da riuscire a dare risposta positiva alle 100mila assunzioni previste per settembre. Nel caso di un mancato accordo, il governo avrebbe già pronto un pacchetto di correzioni. Il  capogruppo alla Camera Rosato ha confermato tutto l'impegno del governo per andare aventi con le assunzioni dei precari ma ha anche fatto un appello alle opposizioni perchè collaborino, perché con 3.000 emendamenti la riforma non si può approvare in tempi rapidi.

Proroga 730: Si avvia ad essere prorogata al prossimo 23 luglio la presentazione del modello 730 anche se dovrebbe valere solo per i Caf che entro la prima scadenza invieranno l’80% dei modelli loro presentati, richiesta di proroga presentata a causa del caos provocato dagli errori riscontrati nelle dichiarazioni precompilate online inviate dall’Agenzia delle Entrate ai contribuenti, e dalla necessità di procedere a modifiche e integrazioni anche di dati e informazioni che avrebbero già dovuto essere riportate dalle Entrate.

Unico studi di settore: E’ stato prorogato il termine del primo pagamento di Unico 2015 dal 16 giugno al 6 luglio per i contribuenti soggetti agli studi di settore, minimi e forfettari. La decisione è stata presa a causa del ritardo con cui è stata rilasciata la nuova versione del software Gerico per verificare la congruità degli studi di settore, per cui risultava difficile per Caf e commercialisti riuscire a completare tutti gli adempimenti fiscali in tempo per i primi versamenti del 16 giugno. Per tutti gli altri contribuenti che avranno bisogno di maggior tempo, resta, come ogni anno ormai, la possibilità di effettuare il pagamento dal 7 luglio al 20 agosto con una maggiorazione dello 0,40%. L’Agenzia delle Entrate ha inoltre comunicato che nei casi di anomalie e situazioni fiscali dubbie, prima dell’invio della cartella ufficiale, i contribuenti soggetti agli studi di settore, titolari di Partita Iva in regime ordinario, riceveranno una comunicazione che lì inviterà a fornire dei chiarimenti e, eventualmente, a ravvedersi, nel caso sia effettivamente avvenuto un illecito.

Quota 96: Nulla di nuovo ancora sul futuro dei quota 96 della scuola. Il governo si è impegnato a chiudere la partita una volta risolta la questione dei risarcimenti ai pensionati, quindi si resta in attesa di novità. Cresce, intanto, negli interessati il timore che anche questa volta le parole del governo restino solo tali, risolvendosi in un’ennesima delusione.

Indulto e amnistia: Plauso dell’Ue alla gestione italiana dell’emergenza carceraria: nonostante il problema del sovraffollamento persista e i detenuti stessi continuano a denunciare condizioni di vita nelle carceri decisamente drammatiche, l’Ue ha ben recepito gli sforzi fatti per risolvere la situazione di emergenza. Soddisfatto il ministro della Giustizia Orlando, mentre i radicali continuano a chiedere che vengano approvate le misure di indulto e amnistia che una volta per tutte il sovraffollamento carcerario.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il