BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie: tutto fermo così come riforma pubblica amministrazione, adsl, catasto, deleghe fiscali. Svolta urgente

Si discute da mesi di riforma della Scuola, riforma della P.A., riforma del Catasto e adsl ma tutto è ancora bloccato: situazione e cosa servirebbe




Si studiano da mesi interventi che possano modificare le riforme esistenti e si discute da mesi ormai di riforma della Scuola, riforma della P.A., riforma del Catasto e adsl, e nonostante le tantissime ipotesi al vaglio, tutto è ancora bloccato esattamente come sulla riforma pensioni. E le novità e ultime notizie fotografano una situazione decisamente confusa. La questione previdenziale sembra al palo, soprattutto dopo gli ultimi dietrofront del presidente dell’Inps Boeri prima e del premier Renzi poi sulle modifiche da attuare all’attuale legge pensionistica. Nessun piano di prepensionamento al momento perché troppo costoso e, probabilmente, nessun assegno universale perché ‘incostituzionale’.

Al vaglio potrebbero rimanere oggi solo interventi negativi, tra ricalcolo contributivo e tagli a baby pensioni, pensioni di invalidità, cumulo, reversibilità, che permetterebbero di recuperare soldi e riportare equità ed equilibrio al nostro sistema previdenziale.  Per quanto riguarda poi la discussione sul ddl della Buona Scuola di Renzi, governo e Pd hanno deciso di accelerare e se non si troverà un percorso condiviso sui 3.000 emendamenti con le opposizioni, potrebbe spuntare l’ipotesi della fiducia sul ddl. Francesca Puglisi (Pd) e Franco Conte (Ap), i relatori del disegno di legge, lavorano permettere a punto una proposta che consideri le modifiche principali richieste dagli altri gruppi parlamentari.

Se non fosse accettata dalle opposizioni, diventerebbe il testo del maxiemendamento da portare in Aula tra giovedì e venerdì e su cui il governo si prepara a porre la fiducia. Il governo, infatti, mira all’approvazione del testo in Senato entro venerdì così da chiudere la questione sulle assunzioni dei 100mila precari della scuola.  Se, infatti, il testo non dovesse essere approvato, a settembre ci saranno le assunzioni nate dal naturale turn over lavorativo e si parla di circa 20mila possibili assunzioni.

Ancora in discussione, da mesi ormai, la riforma della Pubblica amministrazione, ferma tra continui emendamenti e cancellazioni che finora non hanno portato ancora a nulla. Oggi, intanto, è stata convocata la riunione del Consiglio dei Ministri per discutere i sei decreti legislativi attuativi della Delega fiscale e si attendono anche , tra le altre misure, i provvedimenti sulle banche e il settore del credito, lo sviluppo della banda larga.

Non sarà invece in discussione il decreto attuativo, tanto atteso, della delega fiscale sulla riforma del catasto che prevede aumenti di tutte le rendite. E così anche questa riforma si blocca. E’ chiaro, dunque, come ci sia bisogno di una svolta che rivoluzioni la situazione di impasse attuale che il governo sta vivendo su diversi fronti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il