BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 precompilato, ordinario, 770 2015 modello: proroga per entrambi a breve e nuove istruzioni, regole Agenzia Entrate

Proroghe presentazione modelli 730 e 770 2015: rinvii a metà luglio e settembre. I chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate e novità




A far discutere ormai da settimane sono le richieste di proroghe presentate da Caf e commercialisti per la presentazione del modello 730 2015, sia in versione precompilata che in versione ordinaria. Dopo il rinvio del primo pagamento di Unico 2016 dal 16 giugno al 6 luglio, nonostante le voci che si sono susseguite negli ultimi giorni resta molto probabile ma non ancora confermata ufficialmente la proroga di presentazione del  730 al 23 luglio prossimo.

Ciò significa che al momento la scadenza resta fissata al 7 luglio ed entro la stessa data i contribuenti sono tenuti devono dare all’intermediario abilitato anche la dichiarazione relativa alla destinazione del 2, 5 e 8 per mille dell’Irpef.

L’Agenzia delle Entrate ha comunque chiarito che il contribuente che ha già inviato il 730 precompilato online tramite il sito delle Entrate stesso ma ha commesso degli errori può effettuare un nuovo invio che annulla e sostituisce il precedente. E la stessa Agenzia ha spiegato che per effettuare il nuovo invio basta entrare con le proprie credenziali nell’area del sito internet dell’Agenzia delle Entrate dedicata al 730 precompilato, riaprire la dichiarazione già trasmessa, apportare le modifiche necessarie e quindi procedere all’invio della dichiarazione sostitutiva.

Il secondo invio della dichiarazione può essere effettuato però una sola volta e la nuova dichiarazione può essere inviata fino al 29 giugno. Altra scadenza fiscale cui sono chiamati i contribuenti è quella della presentazione del modello 770 2015: anche in questo caso è attesa un proroga dal termine fissato del 31 luglio 2015 al prossimo mese di settembre, come già accaduto l’anno scorso. Anche in merito l’Agenzia delle Entrate non ha reso ufficiale ancora alcuna risposta definitiva.

Anche il modello 770 semplificato 2015 deve essere inviato online o in modo autonomo o rivolgendosi ad un Caf o al proprio commercialista e devono presentarlo non le persone fisiche ma i sostituti di imposta. Deve presentare il modello 770 semplificato chi deve dichiarare i dati sui redditi elargiti ai dipendenti (e assimilati), i trattamenti di fine rapporto e i versamenti sui fondi pensione, i redditi di lavoro autonomo e provvigioni. Il sostituto d’imposta deve comunicare all’Agenzia delle Entrate tutti i dati previdenziali, contributivi e assicurativi, i relativi versamenti, i crediti e le compensazioni.

Devono invece presentare il 770 ordinario i sostituti d’imposta che abbiano corrisposto somme soggette a ritenuta alla fonte su redditi di capitale; compensi per avviamento commerciale; contributi a enti pubblici e privati; riscatti da contratti di assicurazione sulla vita; premi, vincite e altri proventi finanziari; o utili derivanti da partecipazioni in società di capitali, titoli, indennità di esproprio e redditi diversi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il