BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni quota 100, contributivo, assegno universale novità ulteriori insieme a piano Boeri con iniziative dirigenti INPS

La questione del cambiamento delle regole sulle pensioni viene dibattuta anche all0interno dell'Inps. C'è attesa per il piano Boeri.




Della questione pensioni si continua a discutere dentro e fuori le aule di governo e parlamento. Un importante spartiacque sarà rappresentato dal pacchetto di proposte che il presidente dell'Inps, Tito Boeri, metterà nelle mani del premier Matteo Renzi. C'è anche una scadenza entro la quale è atteso il piano, la fine di giugno, e ci sono anche alcune indicazioni sui contenuti. Dovrebbero essere lasciata fuori le soluzioni della staffetta generazionale per legge, dell'applicazione di quota 100 come somma di età anagrafica e anni di contribuzione da raggiungere per accedere per al trattamento previdenziale, e della penalizzazione massima all'8% per chi sceglie di uscire anticipatamente rispetto al tetto di 62 anni di età e 35 anni di versamento di contributi.

All'interno dell'Inps Nino Galloni, membro effettivo del collegio dei sindaci dell'istituto previdenziale, è favorevole a considerare il calcolo dell'assegno per tutti con il sistema contributivo, auspicando un aumento del livello medio degli stipendi. Per Massimo Cioffi, direttore generale dell'Inps, le disponibilità economiche sono alla base delle scelte. Ecco allora che potrebbe essere presa in considerazione l'opzione dell'assegno universale, già adottato nella gran parte dei paesi europei.

Fari puntati anche sul caso Grecia, destinato ad avere ripercussioni sull'Italia sia dal punto di vista economico e sia da quello politico nei rapporti con Bruxelles. Lunedì il Paese ellenico ha presentato il suo piano di riforme ai ministri finanziari dell'Eurogruppo. Atene sarebbe pronta ad aumentare l'Iva su alcuni prodotti, a nuovi risparmi pari allo 0,4% del Pil nel 2015 e dell'1% nel 2016, a un blocco dei prepensionamenti dal 2016 e ad aumentare le tasse sui redditi più alti e sui beni di lusso. Nessun taglio a pensioni e stipendi pubblici. In serata l'eurosummit dei 19 capi di Stato e di governo ha aperto la strada per un'intesa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il