BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sciopero Catania oggi e Roma treni, autobus, metropolitana venerdì 26 Giugno 2015: fasce garantite, quando finisce e inizia

Domani venerdì 26 giugno sciopero dei mezzi pubblici a Catania e Roma: orari, modalità e informazioni utili. Cosa sapere




Dopo lo sciopero dei mezzi pubblici che oggi interessa Cagliari, dove il personale del Ctm si ferma per sette ore dalle 9:45 alle 17:15, domani, venerdì 26 giugno, si profila una giornata nera per il trasporto pubblico a Catania e Roma. Nella città siciliana, i lavoratori AMT si asterranno dal servizio dalle 10 alle 18, mentre a Roma lo sciopero è stato indetto dai sindacati CGIL, UIL Trasporti, Or.S.A., TPL e UGL Autoferrotranvieri e e riguarderà tutti i servizi di ATAC, l’azienda che gestisce il trasporto pubblico della Capitale.

Lo sciopero durerà 24 ore e saranno garantiti i trasporti solo all’interno delle fasce protette: da inizio servizio fino alle 8 e 30 e dalle 17 alle 20. I lavoratori ATAC scioperano contro il mancato rinnovo del loro contratto di lavoro. Lo sciopero riguarderà tutta la rete ATAC, si fermeranno pertanto bus, tram e metropolitane, filobus, e i treni delle linee Termini-Giardinetti, Roma-Lido di Ostia e Roma-Civitacastellana-Viterbo. Inoltre, insieme ai disagi legati ai mezzi di trasporto, potrebbero esserci problemi anche nelle stazioni della metro e alcune biglietterie potrebbero restare chiuse.  

Sul sito ATAC si legge che ‘lo sciopero non riguarda la rete urbana gestita da Roma TPL, la rete extraurbana del Lazio gestita da Cotral, compresi i collegamenti da e per gli aeroporti di Ciampino e Fiumicino, la rete ferroviaria regionale, interregionale e nazionale gestita da Trenitalia, la rete nazionale gestita da NTV, i servizi urbani locali gestiti dai singoli comuni’.

Nessun disagio, dunque, previsto per RomaTpl, Trenitalia, Ntv, Cotral. Sempre per la giornata d venerdì, Usb lavoro privato ha proclamato uno sciopero di 24 ore del personale del settore automobilistico aziendale Tper dei bacini di servizio di Bologna e Ferrara.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il