BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi ultime notizie riforma quota 100, mini pensioni no in piano Boeri più interventi negativi. Per strategia.

Sempre più probabili interventi negativi e tagli nel piano pensioni Boeri per successivi interventi postivi: la strategia del presidente Inps e misure




E’ sempre più probabile che il piano pensioni che il presidente dell’Inps Boeri dovrebbe presentare a giorni al governo potrebbe contenere solo interventi negativi e tagli, da realizzare però secondo una precisa strategia: vale a dire consentire il recupero di nuove risorse economiche per la realizzazione di interventi positivi in un secondo momento, mirati essenzialmente alla modifica dei requisiti pensionistici ( con quota 100 o mini pensione o piano Damiano) richiesti dall’attuale legge previdenziale e destinati a salire e diventare ancor più rigidi dal primo gennaio 2016.

Gli interventi negativi, annunciati tra l’altro tempo fa dallo stesso premier Renzi, prevederebbero novità per le ricongiunzioni onerose, tagli di baby pensioni, false pensioni invalidità, pensioni di reversibilità e cumulo, e il ricalcolo contributivo degli assegni pensionistici, che interesserebbero, però, come assicurato da Boeri stesso, esclusivamente coloro che percepiscono pensioni elevate, probabilmente dai 3mila euro in su.

Queste misure dovranno innanzitutto testare le reazioni che i cittadini potrebbero avere e serviranno per recuperare quelle risorse finanziarie necessarie per andare avanti con successivi interventi postivi di prepensionamento che, secondo le previsioni, e a condizione di un miglioramento costante delle condizioni economiche di Italia, potrebbero arrivare con la prossima Manovra Finanziaria.

Sembra, dunque, che solo queste misure negative possano rappresentare una possibilità per futuri interventi pensionistici tali da soddisfare le richieste avanzate finora sulle pensioni da forze politiche e sociali. E solo allora, probabilmente e se non fosse presente nel piano Inps di Boeri, si potrebbe tornare a parlare di quell’assegno universale che il premier Renzi stesso qualche giorno fa ha definito incostituzionale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il