BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sciopero oggi Catania, Roma treni, metropolitana, autobus venerdì 26 Luglio e programma mese luglio scioperi in agenda

Nella giornata di domani due grandi città saranno protagoniste di grandi disagi al traffico, visto che ci sarà lo sciopero dei trasporti pubblici. Parliamo di Roma e Catania.




In particolare nella nostra capitale domani si prevede una giornata nera, perché ci sarà lo sciopero di metropolitane, tram, treni e autobus. I cittadini romani sono già preparati a quello che si preannuncia un vero e proprio venerdì nero, che potrebbe mettere in ginocchio il traffico locale. In particolare le fasce di sciopero per tutti i comparti di trasporti citati saranno dalle 8 e 30 alle 17 e dalle 20 fino a fine giornata. Si tratta di un vero e proprio assalto dei sindacati, che sperano che in questo modo le ragioni dei lavoratori vengano ascoltate. In particolare si aspetta un'adesione davvero molto ampia: i cittadini romani intanto protestano perché capiscono le ragioni dei lavoratori, ma non possono pagare i disagi che porterà questo sciopero. Le fasce garantite per autobus e tram ci saranno dall'inizio della giornata di venerdì fino alle 8 e 30, e poi dalle 17 alle 20, mentre per quando riguarda metropolitane e treni le fasce garantite ci saranno dalle 5 e 30 alle 8 e 30 e dalle 17 alle 20. Per chi ha necessità di andare fuori Roma non potrebbero esserci problemi, visto che lo sciopero riguarderà quasi tutte le linee della capitale, e non dovrebbe estendersi a percorsi che avvengono fuori città.

Per i cittadini romani che di solito accedono alle zone a traffico limitato con i mezzi pubblici, il comune di Roma ha deciso di farli accedere anche senza il permesso che negli altri giorni servirebbe se si vuole accedere a queste zone della città con l'auto. Lo sciopero dei trasporti pubblici coinvolgerà anche Catania. Infatti ci sarà la protesta dei dipendenti della società che si occupa del trasporto su gomma e attraverso la metropolitana, e le proteste si sono sollevate soprattutto perché tanti dipendenti aspettano stipendi arretrati da diversi mesi, e non possono tollerare di aspettare ancora. Si aspetta una soluzione urgente da parte di questa azienda.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il