BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sciopero oggi Roma treni, metropolitana autobus: quando inizia e finisce, asce garantite venerdì 26 Giugno 2015

Queste giornate saranno caratterizzate da diversi scioperi dei trasporti, che vedranno coinvolti diverse città, da nord a sud.




Lo sciopero dei trasporti vedrà protagoniste grandi città come Roma e Milano, ma anche a Cagliari sono previsti dei disagi a causa dello sciopero della compagnia responsabile degli autobus. In particolare a Roma Venerdì 26 Giugno si terrà lo sciopero della metropolitana e degli autobus. Questo sciopero durerà dalla 8 e 30 alle 17 e dalle 20 fino a fine servizio. Si tratta quindi di una durata molto ampia, che non farà altro che portare grande disagio tra coloro che dovranno spostarsi con mezzi pubblici. Non solo metropolitane e autobus, perché in questo Venerdì che si preannuncia molto difficile ci sarà anche lo sciopero di dei tram, e le fasce orario saranno le stesse previste per le metropolitane. In particolare i sindacati che sono protagonisti dello sciopero hanno deciso di protestare per le scarse condizioni economiche con le quali sono costrette ad operare i lavoratori, e si aspettano anche il rinnovo di contratti che vanno stabilizzati da tanto tempo. Naturalmente si sono sollevate le proteste dei cittadini, che in questo modo saranno costretti a trovare modi alternativi per spostarsi, e in una città complicata come Roma, che già ha un traffico esponenziale, si prevede il caos più totale.

L'obiettivo dei sindacati tuttavia è chiaro: cercare di creare il maggior disagio possibile, e accendere i riflettori su una situazione difficile che i lavoratori stanno vivendo. Oltre a Roma gli scioperi si terranno anche in diverse località italiane, e gli scioperi che si terranno hanno motivi comuni a quelli della capitale. In particolare a Cagliari si scende in piazza per protestare contro un tagli di cento euro in busta paga che gli impiegati della compagnia cittadina di autobus hanno subito dall'azienda, mentre a Milano si protesta non solo per le condizioni contrattuali da rivedere, ma anche perché i turni in vista dell'Expo sono stati distribuiti in modo piuttosto discutibile, e se ne chiede un'ampia revisione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il