BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie: interventi peggiorativi e quota 100, assegno universale, mini pensioni piano Boeri. I primi saranno tanti

Non è affatto scontato che dal piano Boeri sulle pensioni possano uscire solo proposte di segno positivi. All'orizzonte ci sono nuovi tagli?




Le ultime notizie e novità sul fronte pensioni hanno lasciato spiazzati coloro che credevano in un cambio di passo in tempi brevi. Se le speranze per un vero cambiamento della legge previdenziale passavano dalla presentazione del piano Boeri, le stesse dichiarazioni del presidente dell'Inps hanno ristretto il campo delle ipotesi. L'economista della Bocconi ha rifilato una serie di no ad alcuni dei suggerimenti avanzati in questi mesi, come l'applicazione di quota 100 ovvero della somma di età anagrafica e di anni di contribuzione da raggiungere per accedere al trattamento previdenziale, la staffetta generazionale per legge, l'uscita dal mondo del lavoro a 62 anni con 35 anni di contributi e penalizzazione massima dell'8% per l'uscita anticipata.

A suo dire si tratta di misure troppo dispendiose per le casse dello Stato. Ecco allora che rimangono in piedi due strade. La prima prevede misure come il ricalcolo degli assegni per tutti sulla base dei contributi versati o l'introduzione dell'assegno universale. La seconda passa dall'applicazione di misure di segno negativo, come il taglio alla pensioni di invalidità e di reversibilità, la modifica delle regole sul cumulo degli assegni o la revisione delle baby pensioni. In qualche modo si tratterebbe di proposte preliminari da completare con interventi strutturali e significativi da inserire nella prossima manovra finanziaria e dunque non prima della fine dell'anno.

A proposito di calcoli e di situazioni economiche, l'Altra Corte ha dichiarato illegittimo il blocco dei contratti del pubblico impiego, ma senza effetti sul passato. Non si creerà quindi un buco di bilancio ma il governo dovrà mettere mano al portafogli per avviare la nuova stagione contrattuale. Sarebbe ammontato a 35 miliardi il buco creato se i giudici avessero deciso per il pregresso mentre è di 13 miliardi di euro l'effetto strutturale sui conti per l'anno prossimo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il