BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ultime notizie pensioni anticipate: tribunali protagonisti e lo saranno sempre di più. Politica bloccata tranne Regioni e Comuni

All'inerzia dello Stato sulle pensioni si contrappone la vivacità delle Regioni e il decisionismo dei tribunali d'Italia.




Sono le novità e ultime notizie sulle pensioni a raccontare come i cambiamenti passino anche dalle decisione dei tribunali. Anzi, in una situazione di lentezza esasperante nel decidere se non di completo stallo, una decisa accelerazione è arrivata proprio dalla sentenze dei giudici. Di più: se lo Stato sta fermo, le Regioni e le amministrazioni locali si muovono. In Piemonte è stato dato il via libera all'uscita anticipata con staffetta generazionale e part time per i lavoratori con più di 50 anni a cui mancano tre anni di contributi per la pensione. A prendere il loro posto sono giovani disoccupati tra 18 e 32 anni.

A Trento è già realtà il reddito di garanzia per famiglie che vivono alle soglie della povertà. I lavoratori a tempo indeterminato della Regione Calabria possono sfruttare uno scivolo per la maturazione dei requisiti pensionistici richiesti. In Molise è stato introdotto uno strumento di contrasto alla povertà mentre in Sicilia sono stati studiati meccanismi di uscita anticipata per i dipendenti in esubero.

Si accennava alla decisioni dei tribunali. Tra le più recenti si segnala l'abolizione dell'obbligo di pagamento degli alimenti se l'ex coniuge ha ricostituito una famiglia. Il Tar del Lazio è poi intervenuto sancendo l'illegittimità dell'inserimento ai fini del calcolo Isee della situazione economica delle pensioni di disabilità e le indennità di accompagnamento.

E che dire della questione dei quota 96, combattuta anche a suon di carte bollate, ovvero di quei lavoratori che, nonostante il compimento di 61 anni d'età e il raggiungimento di 35 anni di contributi previsti dalla normativa di riferimento, non sono andati in pensione a causa dell'introduzione delle norme contenute nella riforma Fornero, che non hanno tenuto conto della peculiarità del calendario scolastico? E poi c'è la vicenda più attuale, quella dei rimborsi dai pensionati degli importi non indicizzati al costo della vita deciso dall'Alta Corte.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il