BusinessOnline - Il portale per i decision maker








PES 2016: novità questa settimana

L'edizione 2016 del franchise si pone come la migliore della serie. Anche quest'anno Konami ha prestato maggiore attenzione alle dinamiche di gioco.




Il punto di partenza di Konami nella realizzazione di PES 2016 è stata l'esperienza dello scorso anno. L'ultimo capitolo della serie del simulatore calcistico è stato tra i più convincenti. Il motivo è stato il cambio di direzione. La software house ha smesso di inseguire Electronic Arts e il suo FIFA sul terreno del realismo grafico e di tanti altri piccoli ma significativi dettagli, per concentrarsi su quelle caratteristiche da sempre più apprezzate e che per anni l'hanno collocata davanti alla concorrenza nella graduatoria delle preferenze degli utenti. Ecco allora che c'è stata un ripresa dell'attenzione per il gameplay ovvero per la riproduzione del calcio giocato

Da quando Kei Masuda ha preso le redini di produzione creativa della serie di calcio, c'è stato un netto cambiamento di direzione e l'implementazione di un nuovo motore grafico ha restituito brillantezza visiva e miglioramenti nel gameplay. Pro Evolution Soccer 2016 va nella scia del suo predecessore e stando ai commenti e alle impressioni di chi ha provato la prima provvisoria versione demo, l'ha anche superato e si pone nelle migliori condizioni per rivaleggiare con FIFA 16. Le prime risposte arriveranno solo il 17 settembre, quando PES 2016 finirà a scaffale nelle versioni per Xbox 360, Xbox One, PlayStation 3, PlayStation 4 e PC.

Come spiegato da Konami, il nuovo capitolo del franchise darà ai giocatori la possibilità di effettuare giocate in maniera ancora più semplice. I particolare, per via di una migliore strategia di squadra, le combinazioni tra 2 o 3 calciatori saranno immediate. Non sarà più necessario attivare manualmente l'uno-due: i compagni di squadra proporranno un passaggio negli spazi disponibili. Farà di certo piacere l'introduzione di nuovi parametri per i portieri come Prese, Rilanci, Tuffi e Deviazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il