BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità quota 100, contributivo, assegno universale in legge previdenza e povertà e non subito in Manovra Finanziaria

Interventi pensionistici e modifiche requisiti probabilmente rimandati al 2016 e non nella prossima Manovra Finanziaria: le ultime notizie




Prima il ministro del Lavoro Poletti, poi il presidente dell’Inps Boeri hanno rimandato eventuali interventi pensionistici soprattutto di revisione dei requisiti alla prossima Manovra Finanziaria. Si tratta di rinvii annunciati qualche giorno fa, prima che l’Alta Corte rendesse note le sentenze sui rimborsi ai pensionati che non hanno goduto della rivalutazione e sullo sblocco dei contratti dei dipendenti pubblici, sentenze che avranno pesanti conseguenze sui conti pubblici e che pone dubbi sulla fattibilità delle novità pensioni nella prossima Manovra.

Servono, infatti, soldi, e se prima Poletti e Boeri si davano come nuovo traguardo di recupero di nuove risorse economiche il prossimo autunno, qualcosa dovrà cambiare necessariamente. Le novità e ultime notizie confermano infatti che il reperimento di eventuali nuove risorse servirà per assicurare la messa in atto di interventi e misure che sono prioritarie rispetto alle modifiche da attuare alle pensioni.

E ciò significa che quota 100, mini pensione, come anche staffetta generazionale, e uscita a 62 anni di età con 35 anni di contributi e penalizzazioni crescenti, potrebbero essere ancora rimandati, anche fino al prossimo anno. Più probabile, invece, che si torni a parlare concretamente del decreto previdenza.

Si tratta di un pacchetto di misure di cui aveva parlato per la prima volta il premier Renzi lo scorso dicembre, che avrebbe dovuto già essere discusso, ma sempre rimandato e poi quasi dimenticato. Torna, ora, invece, attuale e aumentano i suoi sostenitori. Questo nuovo decreto dovrebbe contenere misure di contrasto alla povertà, come il salario minimo, ma anche tagli ad agevolazioni e detrazioni fiscali per le famiglie, così come alla spesa pubblica. E si tratta delle misure già al vaglio in realtà dei tenici della spending review.  

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il