BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi: piano Boeri con assegno universale e contributivo limitato e senza quota 100

Tra ricalcolo contributivo, proroga del contributivo donna e assegno universale seppur limitato, delineate le misure del piano Boeri: novità e ultime notizie




Il presidente dell'Inps, Tito Boeri, è pronto a presentare il suo piano di interventi volti a modificare l’attuale legge pensionistica. L’obiettivo è definire una nuova riforma che permetta di rivedere i requisiti di accesso alla pensione e che rimetta in equilibrio l’attuale sistema previdenziale. Al momento, comunque, non dovrebbero essere previsti piani di prepensionamento, né quota 100, né uscita a 62 anni con 35 anni di contributi e penalizzazioni progressive, né staffetta generazionale, perché, come precisato da Boeri nel corso della sua ultime audizione in Commissione Lavoro, sono troppo costosi e lo Stato non può permetterseli.

Più probabile invece che si continui a percorrere la strada del ricalcolo contributivo per gli assegni più alti, in parte risultato del vecchio calcolo retributivo; della proroga del contributivo donna, cui Boeri si è detto disponibile ipotizzando l’estensione di questo regime anche agli uomini; e dell’assegno universale. Nonostante, infatti, le ultime dichiarazioni del premier Renzi in merito e che hanno suscitato qualche perplessità dopo la definizione della misura, incostituzionale, Boeri, che da sempre rilancia sull’assegno universale, potrebbe invece prevedere questa novità ma non per tutti.

Si tratterebbe di un assegno universale ma limitato a sostenere eventuali condizioni di povertà di lavoratori di età compresa tra i 55 e 65 anni, rimasti disoccupati, che non possono ancora andare in pensione perché lontani dai requisiti necessari. Dunque, tra ricalcolo contributivo, proroga del contributivo donna e assegno universale seppur limitato, dovrebbero essere state delineate le misure del piano Boeri, che dovrebbe contenere anche tagli e interventi negativi per baby pensioni, pensioni di invalidità, cumulo, reversibilità.

Scartate le altre misure di quota  100, piano Damiano-Baretta, staffetta generazionale per i tantissimi problemi soprattutto economici che l’Italia sta attraversando. Per permettere, infatti, ai lavoratori di andare in pensione prima sarebbe necessario avere a disposizione risorse economiche ulteriori che come noto ormai lo Stato non  ha, per cui questi interventi sono stati rimandati a ‘tempi migliori’. Il piano dovrebbe essere presentato ufficialmente forse il prossimo 8 luglio alle Camere.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il