BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ultime notizie pensioni anticipate: si continua a lavorare, conferme ufficiali. Eppure tecnici ministeri non trovano soluzioni

La partita della pensioni è ancora aperta, ma non sarà semplice raggiungere il giusto compromesso in questo contesto economico.




Non è per nulla semplice riuscire a trovare il bandolo della matassa nella questione pensioni. Come riferiscono novità e ultime notizie, i tecnici dei Ministeri dell'Economia e del Lavoro stanno cercando di trovare il miglior compromesso tra esigenze sociali e sostenibilità economica. Uno sforzo che potrebbe giungere a una sintesi tutt'altro che scontata. Sotto il primo punto di vista, i cambiamenti pensati per il sistema delle pensioni potrebbero risultare poco incisivi, sotto il secondo, un aumento della spesa previdenziale in un'epoca di spending review è sempre un passo indesiderato. A ogni modo, l'appuntamento con le modifiche è solo con la prossima manovra finanziaria.

Per ora il governo è alle prese con il rinnovo dei contratti con gli statali, le cui trattative inizieranno a settembre, e con la restituzione ai pensionati della somma non rivalutata degli assegni previdenziali. Entrambi i provvedimenti seguono 2 sentenze sfavorevoli allo Stato da parte dell'Alta Corte. C'è poi il grande punto interrogativo relativo alle conseguenze per l'Italia della crisi greca. Vale la pena ricordare come proprio la previdenza sia una dei temi che divide Bruxelles dal paese ellenico. Il presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker, ha sottolineato che nella proposta dei creditori non c'è alcun taglio ai salari e alle pensioni.

Nel documento dei creditori però si sottolinea l'esigenza di procedere con una riforma del sistema pensionistico greco ormai "insostenibile". Bruxelles ha chiesto di disincentivare le pensioni anticipate a partire dal 2016 con l'intento di eliminarle del tutto entro il 2022. Previsti dei limiti anche per le pensioni contributive. Quando è saltato il tavolo della trattativa tra Atene e i suoi creditori, la Commissione europea ha messo online le richieste fatte al governo greco. Un documento di 10 pagine che ruota attorno a un punto: la riduzione del debito pubblico.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il