BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi ultime notizie riforma sempre più necessario dopo dati ieri disoccupazione in crescita ancora

Aumenta la disoccupazione e cresce la necessità di modificare la legge pensionistica attuale: cosa e come fare. La situazione attuale




Le necessità di una svolta concreta che modifichi la legge previdenziale attuale è confermata dai nuovi dati sulla disoccupazione, tornata a salire. Dopo aver registrato una lieve ripresa nei mesi di febbraio e marzo, tornato a calare ad aprile, a maggio il tasso di disoccupazione in Italia resta invariato rispetto al mese precedente al 12,4% secondo l'Istat, che ha sottolineato come il numero di disoccupati rimane sostanzialmente invariato su base mensile. Le novità e ultime notizie Istat parlano di un aumento degli inattivi di età compresa tra i 15 e i 64 anni nell'ultimo mese (+0,3%, pari a +36 mila), dopo il calo dei quattro mesi precedenti.

Il tasso di inattività, pari al 36%, aumenta di 0,1 punti percentuali e rispetto ai tre mesi precedenti, nel periodo marzo-maggio 2015 il tasso di occupazione risulta in crescita (+0,1 punti percentuali). Dopo l'aumento del mese di aprile (+0,6%), a maggio gli occupati diminuiscono dello 0,3%, pari a 63 mila unità, rispetto al mese precedente.

Il tasso di occupazione, pari al 55,9%, cala nell'ultimo mese di 0,1 punti percentuali, ma rispetto a maggio 2014, l'occupazione cresce dello 0,3% (+60 mila) e il tasso di occupazione di 0,3 punti. Si tratta di dati ancora allarmanti e che interessano quei giovani cui si pensa nel momento in cui si chiedono modifiche all’attuale legge pensionistica.

Avendo allungato, infatti, l’età di pensionamento, è chiaro che i lavoratori già impiegati devono continuare a rimanere a lavoro a tutto discapito di nuove opportunità per i giovani. Quota 100, mini pensione, piano Damiano di uscita a 62 anni di età con 35 di contributi e penalizzazioni, staffetta generazionale e part time sono chiesti a gran voce proprio per dare nuovo slancio a turn over lavorativo, ricambio generazionale e rilancio dell’occupazione soprattutto giovanile, che contribuirebbe a diminuire la disoccupazione in Italia e a rilanciare, al contempo, l’economia in generale.

E' tuttavia sempre più difficile riuscire a concretizzare queste novità, soprattutto alla luce dell'attuale situazione economica che l'Italia sta vivendo e con il punto interrogativo del futuro della Grecia. Se infatti il Paese dichiarasse reale fallimento, quei 65 miliardi di euro prestati dall'Italia non verebbero restituiti e non ci saranno, per molto tempo, margini di nuovi interventi.

Disoccupati 2016: assegno, indennità, agevolazioni. Debutta il nuovo assegno di disoccupazione nel 2016, vediamo quali sono le caratteristiche, a chi è rivolto e come funziona

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il