BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anticipate ultime notizie cambiamenti indiretti e ripercussioni pensioni con riforma pubblica amministrazione sveltita

Le novità e ultime notizie sulle pensioni in Italia si legano agli sviluppi della riforma della pubblica amministrazione.




Nel percorso di cambiamento delle pensioni, un ruolo fondamentale sarà ricoperto dagli sviluppi della riforma della pubblica amministrazione. La ragione è duplice. In prima battuta l'Alta Corte ha imposto al governo italiano di sbloccare la rivalutazione dei contratti degli statali. Ecco allora che a settembre inizieranno le trattative che costringeranno l'esecutivo a un nuovo impegno di spesa che, per forza di cose, poteva essere destinato su altre misure del welfare. La strada che sarà seguita potrebbe essere quella della progressività così da non lasciare sfumare tutte le ipotesi sulle pensioni avanzate fino a questo momento.

In seconda battuta, nell'ambito della riforma della pubblica amministrazione, si ragiona su misure come il part time per favorire la staffetta generazionale tra giovani e anziani e raggiungere così due obiettivi: diminuire il numero dei disoccupati e consentire l'uscita anticipata. Secondo Marianna Madia, ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione, sarebbe stato impossibile procedere con lo sblocco già dal 2015 perché "abbiamo valutato che, in un periodo di crisi, fosse più giusto sostenere chi non ha lavoro o rischia di perderlo, con ammortizzatori sociali e decontribuzioni fiscali, e chi è economicamente più debole, con gli 80 euro, che sono andati anche a un lavoratore pubblico su 4".

A suo dire, il governo si è mosso "nel solco non solo delle nostre convinzioni, ma anche di una sentenza della Consulta del 2013, che definì legittimo il blocco purché temporaneo e purché i soldi risparmiati venissero redistribuiti". In questo contesto sarà decisiva la ripresa economica dell'Italia. Qualcosa inizia a muoversi, come dimostrato la prima timida ripresa del Pil nei primi tre mesi dell'anno. Stando alle stime dell'Istat, la crescita acquisita per l'intero anno è pari allo 0,4%.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il