BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi uomini e donne riforma: assegno universale e novità quota 100. Notizie su finanziaria da fonte anonima

Nella prossima Manovra Finanziaria probabilmente non ci sarà alcun intervento sulle pensioni: cosa trapela da alcune fonti del governo su probabili novità previdenziali




Nella prossima Manovra Finanziaria probabilmente non ci sarà alcun intervento sulle pensioni, ed esattamente come l’anno scorso, tutto sarà ancora rimandato. Nessun piano di prepensionamento, dunque, tra quota 100, piano Damiano, staffetta generazionale, e a confermalo sono alcune fonti anonime del governo.

Le novità e ultime notizie confermano, infatti, una situazione economica sempre più difficile, resa ancor più pesante dalle ultime due sentenze dell’Alta Corte che ha deciso prima i risarcimenti ai pensionati e poi lo sblocco dei contratti del pubblico impiego. Per evitare scattino le clausole di salvaguardia, soprattutto per quanto riguarda l’aumento dell’Iva, il governo chiudere le questioni imposte dalla Corte e capire quante saranno le risorse economiche rimanenti.

Ma certamente non vi saranno i margini di intervento sulle pensioni, così come si sperava dopo che ministro del Lavoro Poletti e presidente dell’Inps Boeri avevano in realtà rimandato i prepensionamenti all’autunno. Servirebbero troppi soldi, soldi di cui il governo certamente non dispone.

Ed è per questo motivi che i primi interventi sulle pensioni potrebbero essere solo negativi, tra tagli a baby pensioni, pensioni di invalidità, reversibilità, cumulo, ricalcolo contributivo, misure che dovrebbe rientrare nel piano che il presidente dell’Inps Boeri si prepara a presentare alle Camere il prossimo 8 luglio.

Tra queste probabilmente anche l’assegno universale, ma non per tutti. Non sarebbero disponibili risorse sufficienti per erogarlo a tutti, motivo per il quale il premier Renzi avrebbe chiesto ai sindacati di accettare uno sblocco graduale dei contratti del pubblico impiego, partendo dai redditi più bassi, in modo da risparmiare soldi da destinare a sostegno della povertà.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il