BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi: non realizzabili seppur dati economici migliorati quota 100, assegno universale

Nuovi segnali sulla ripresa dell'economia in Italia. Aumentano i margini per cambiare le pensioni in Italia? Serve volontà politica.




A leggere i più recenti dati Istat sull'andamento dell'economia italiana verrebbe da sorridere: aumentano le possibilità per cambiare le pensioni in Italia? Già, perché il ritornello che viene da sempre ripetuto è lo stretto legame tra congiuntura economia e revisione dell'attuale legge previdenziale. Ebbene, a leggere le ultime rilevazioni, viene fuori che il rapporto tra deficit e Pil è diminuito dello 0,4% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Visto in una prospettiva più ampio, questo p il valore più basso dal primo trimestre del 2007. Altro dettagli non di poco conto, nei primi 3 mesi di questo 2015, la spesa per interessi passivi è scesa del 14% su base annua, pari a 2 miliardi e 370 milioni di euro.

Nel mese di maggio sono poi stati attivati oltre 178.000 nuovi contratti di lavoro, al netto delle cessazioni. A comunicarlo è stato questa volta il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Più di 1.600 sono a tempo indeterminato, circa 176.000 a termine. Sono state 29.000 invece le trasformazioni di rapporti di lavoro in contratti stabili. Insomma, sono realmente aumentate le possibilità di cambiare le pensioni. Difficile a dirsi, anche perché i fatti hanno dimostrato come spesso sia mancata la volontà politica.

Il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan continua a dichiararsi "fortemente ottimista sull'Europa e sul nostro Paese al di là delle vicende che possono destare preoccupazione". Il riferimento è naturalmente alle possibili conseguenze sui conti pubblici di una eventuale uscita dalla Grecia dall'Europa. In un altro passaggio del suo intervento il ministro ha poi parlato dell'attuale dibattito europeo in cui, ha affermato, "la domanda vera non è se serve o meno l'austerità in un singolo Paese o nell'Europa in complesso, bensì come si faccia in pratica ad accelerare la crescita e il lavoro". A suo dire, l'austerità è un falso problema. La crescita non si fa con la bacchetta magica ma attraverso politiche serie".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il