BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi: piano Boeri quota 100, ricalcolo assegni già erogati, contributivo, universale

Tagli, assegno universale limitato, probabile proroga contributivo donna, e ricalcolo contributivo: le misure del piano pensioni Boeri. Nessun sistema di prepensionamento. Ultime notizie




Mercoledì 8 luglio il presidente dell’Inps Tito Boeri dovrebbe presentare alle Camere il suo piano di interventi sull’attuale legge pensionistiche che conterrà innanzitutto misure volte a ristabilire l’equilibrio del sistema pensionistico italiano. Tra le novità e ultime notizie la definizione di applicazione del ricalcolo contributivo che rappresenta una delle misure da sempre rilanciate da Boeri, volta a ristabilire innanzitutto equità sociale ma anche a garantire nuovi risparmi, da riutilizzare poi in una logica di equa redistribuzione, e che colpirà le pensioni più alte, in parte calcolate ancora con il vecchio sistema retributivo, e non solo quelle future. Sarà infatti applicato alle pensioni in essere.

Nessun piano di prepensionamento, invece, e assegno universale per tutti. In audizione in Commissione Lavoro lo scorso 10 giugno, Boeri ha chiaramente detto che per le modifiche ai requisiti pensionistici che permetterebbero ai lavoratori di andare in pensione prima rispetto all’attuale soglia fissata bisognerà ancora attendere, perché si tratta di piani troppo costosi e allo Stato mancano le risorse economiche necessarie. Secondo Boeri, infatti, quota 100, staffetta generazionale, pensione a 62 anni di età con 35 anni di contributi e penalizzazioni crescenti, fino ad un massimo dell’8%, richiedono troppi soldi.

Le stime del presidente dell’Inps prevedono, infatti, che per il piano proposto da Cesare Damiano di uscita a 62 anni di età, con 35 di contributi e penalizzazioni servirebbero 8,5 miliardi di euro, mentre per il sistema di quota 100 addirittura 10,6 miliardi, fino al 2019. Dubbi anche sull’assegno universale: se fino a qualche tempo fa rientrava tra i punti principali del piano di Boeri, dopo le ultime dichiarazioni del premier Renzi qualcosa potrebbe cambiare e probabilmente sarà definito ma non per tutti, riservato cioè esclusivamente ai meno abbienti.

Il presidente dell’Inps apre alla possibilità di prorogare il contributivo donna, forse anche oltre il 2015 e forse da estendere anche agli uomini, unica misura positiva tra le altre che per ora prevedono, insieme al ricalcolo contributivo, tagli a baby pensioni, pensioni di invalidità, di reversibilità, cumulo e guerra.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il