BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ultime notizie pensioni anticipate: quota 100, mini pensione, assegno unversale e affermazioni Silvestro, Rizzetto, Giacobbe

In attesa della presentazione del piano Boeri, la questione pensioni continua a essere al centro dell'attenzione di politica ed esperti del settore.




Come confermano novità e ultime notizie, la questione pensioni continua a essere al centro delle discussioni, dentro e fuori il parlamento. Secondo Vincenzo Silvestri, vicepresidente dell'Consiglio nazionale dell'ordine del Consulenti del lavoro, per rendere più equo il trattamento previdenziale tra chi vede il proprio assegno calcolato con il sistema retributivo e chi con il contributivo è l'introduzione di una sorta di contributo di solidarietà a favore dei secondi. E poi, "è necessario operare una razionalizzazione del sistema andando a operare dei tagli soprattutto là dove ci sono degli sprechi o delle elargizioni eccessive".

Anche Anna Giacobbe, deputata del Partito Democratico, ne fa un problema di equità di trattamento: "Ci siamo impegnati anche per avere più risorse per i contratti di solidarietà e per evitare che le pensioni future, quelle calcolate con il sistema contributivo, siano penalizzate dai meccanismi che regolano la rivalutazione della somma dei contributi e seguono l'andamento dell'economia". Secondo Walter Rizzetto, vicepresidente della commissione Lavoro alla Camera dei deputati, vanno riviste le aliquote fiscali sulle cosiddette pensioni d'oro ovvero quelle che con un importo superiore a 90.000 euro l'anno. A indicare la strada da seguire sarà Tito Boeri, presidente dell'Inps che domani presenterà al premier Matteo Renzi il suo piano di revisione delle pensioni.

Da escludere l'applicazione di quota 100 ovvero della somma di età anagrafica e di anni di contribuzione da raggiungere per accedere al trattamento previdenziale, la staffetta generazionale per legge, l'uscita dal mondo del lavoro a 62 anni con 35 anni di contributi e penalizzazione massima dell'8% per l'uscita anticipata. Spazio piuttosto alla spending review in ambito previdenziale, al ricalcolo degli assegni con il contributivo e alla possibile introduzione dell'assegno universale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il