BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Azioni, obbligazioni, conti deposito, ETF, BTP, BOT: investimenti migliori a luglio con crisi Grecia e Cina

La recente crisi in Grecia e le attuali turbolenze del mercato asiatico rischiano di avere pesanti ripercussioni sull'economia globale.




Quali sono gli investimenti più adatti alla luce della questione greca e della bolla cinese? Come comportarsi con azioni, obbligazioni e conti deposito? In prima battuta occorre considerare come l'impatto degli eventi di questi giorni non è stato così pronunciato, forse perché opinione pubblica e mercati sono stati preparati per tempo.. Le Borse europee hanno reagito alla vittoria del No al referendum greco sul programma di aiuti proposti con un calo medio complessivo del 2%, inferiore alle attese. Nel breve periodo ci si attende volatilità, ma nel medio periodo prevale la fiducia che la tendenza al rialzo dei mercati europei possa proseguire.

Lo spread tra Btp e Bund è salito sopra i 160 punti base, a un livello che non preoccupa gli analisti, che confidano anche nell'ombrello della Banca centrale europea che ha in atto un programma di acquisti fino a 60 miliardi di euro al mese. Il pericolo di un eventuale default della Grecia fa meno paura rispetto al 2011. L'oro, tradizionale bene rifugio, ha continuato a scendere. Diverso è il caso della caduta delle borse cinesi. Tokyo ha chiuso in calo del 3,14% mentre il listino di Hong Kong è affondato. L'ondata di vendite è il segno della crisi. China Securities Regulatory Commission, l'autorità cinese che regola il mercato borsistico ha parlato apertamente di "panico irrazionale".

In queste circostanze, il consiglio dei gestori è di comportarsi con prudenza e di non avventarsi in manovra dall'esito incerto e al massimo puntare su conti deposito con vincoli di 3-6 mesi. Per i più temerari, c'è la scommessa di un dollaro che si rafforza sull'euro andando verso la parità entro la fine dell'anno. C'è poi chi ritiene che la turbolenza sui mercati azionari ha fatto diventare attraenti i titoli di Stato, anche perché i rendimenti negli ultimi tre mesi sono saliti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il