BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi: analisi, cosa ha detto, soluzioni, leggi, attacchi Boeri nel suo discorso

La diretta del discorso di Boeri del suo piano, tanto atteso. Ecco cosa sta dicenso su pensioni, lavoro, assegno universale




Boeri ha iniziato la sua relazione annuale INPS attesa per capire il piano di pensioni anticipate, vediamo, mentro lo seguiamo in diretta, sinteticamente cosa sta dicendo con aggiornamenti in tempo reale

- Il problema vero non è l'INPS in se stessa che comunque deve essere migliorata, ma il problema vero sono alcune scelte politiche come il fondo aereonatico che da fino a 25mila di euro di pensioni.

- Importatissimo per la ricchezza attuale e le pensioni del futuro aumentare l'occupazione e che in una famiglia lavorino entrambi uomo e donne. Ma non solo: le retribuzioni deve avere ottime basi, mentre invece, nell'ultimo periodo  salari sono molto bassi. E poi Boeri, parla di sviluppi incorraggianti del Job Acts, anche se molto va fatto. Comunque, le sue considerazioni sono molto buone su quanto fatto.

- Sarebbe necessario un salario minimo orario, almeno di 8 euro, come nelle legge delega fiscale pensata dal Governo Renzi e che al momento sembra invece messa da parte.

- Fondamentale, comunque, anche l'assegno universale per i meno abbienti e chi si trova in difficoltà momentanea. Ci sono molti disegni di legge in Parlamento, ma sono troppo costosi e con errori evidenti.

- Stesso discorso per le pensioni anticipate. Tante proposte di leggi, ma tutte non basate sul contributivo, la vera forma da apprendere, ma vecchie forme retributive costose. 

- Boeri ha questo punto lancia il suo piano  e le sue proposte basate su equità:

a) prima di tutto per chi sopra 55 anni una protezione minima, con assegno universale limitato, in quanto è difficile trovare lavoro per questa categoria (1 su 10).

b) Il secondo principio è quello dell'unificazione INPS, INPDAP ed ENPAL per una maggiore semplificazione. L'idea è di unificare le pensioni, elimando le ricongiunzioni onerose

c) Il terzo principio è l'armonizzazione. In qusto caso Boeri, riprendere gli studi pubblicati dall'INPS da quando è lui presidente, dove vi sono delle agevolazioni per singole categorie che gravano su bilancio.
Stesso discorso sono i vitalizi dei Parlamentari. Bisogna chiamarli con il loro nome, dice Boeri, si chiamano pensioni. E il Parlamento deve intervenire con informazioni adeguate per capire calcolo vitalizi e intervenire.
Occorre continuare la massima trasparenza sulle gestioni speciali.
Queste categorie e altre con assegni più alti devono dare un contributo concreto per le pensioni anticipate

d) Quarto principio, pensioni anticipate e flessibile, quali soluzioni per una uscita prima. La flessibilità è un punto di forza, ma deve essere basato sul contributivo. E la flessibilità può eseere data spalmando il montante fino ad oggi accumulato e aver euna pensioni più bassa, ma richeidendola prima

e) I pensionati devono poter versare nuovi contributi anche chi è già in pensione e le aziende stesse soprattutto per quanto riguarda le pensioni anticipate lo posso fare anche'esse, in una logica di pensionamento, soprattutto anticipato.

Boeri, poi, parla di Europa e Ue, dicendo che non ci si può basare su sostenibilità con regole automatiche. L'Europa deve essere meno rigida. Da oggi, Inps, mostrerà le pensioni nel 2050 con calcoli reali e non aggregati, per mostrare che il sistema italiano è sostenibile. E che si possono introdurre sistemi flesisbili che fanno rparmiare ne  lungo medio perdiodo senza nessun problema. 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il