BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie Governo riforma Renzi: no interventi negativi cumulo,invalidità reversibilità.Tranne uno per tutti Boeri

Nessun intervento negativo tra quelli previsti me nel piano Boeri possibili novità per vitalizi politici e contributo di solidarietà: le ultime notizie




Poche erano rimaste le certezze sulle probabili misure che il piano pensioni che il presidente Boeri ha presentato oggi 8 luglio alla Camera avrebbe contenuto: tra queste quegli interventi negativi di tagli su baby pensioni, pensioni di invalidità, reversibilità, cumulo, dopo la bocciatura dei piani di prepensionamento e i dubbi sull'assegno universale. Ma le novità e ultime notizie al termine della seduta hanno chiaramente smentito la certezza di questi interventi: nessun riferimento ad essi da parte del presidente Boeri che si è concentrato su altre misure per reperire, come aveva spiegato nei mesi scorsi, quelle risorse economiche necessarie che avrebbero consentito ulteriori interventi pensionistici.

Lasciando questi interventi probabilmente nelle mani della politica e dei commissari della spending review, visto che sono stati da sempre sostenuti sia dal commissario Gutgeld che dall’ex Cottarelli, l'attacco pesate di Boeri è invece riferito alle categorie privilegiate della politica, con interventi sui loro vitalizi, che potrebbero essere anche eliminati, e l’applicazione del contributo di solidarietà che colpirebbe le pensioni più alte.

Sarebbe, comunque, l’applicazione di misure di cui si parla da tanto, forse troppo tempo, e considerando la fiducia riposta nell’operato di Boeri che finora ha sempre messo in atto ogni intervento annunciato, probabilmente è arrivato il momento di cambiare le cose per le fasce fino ad oggi sempre privilegiate.

Tali operazioni consentirebbero di iniziare a perseguire il duplice obiettivo di Boeri di ristabilire equità ed equilibrio del nostro sistema previdenziale e di accumulare risparmi in modo da mettere a punto successivi interventi. Le risorse in più dovrebbero innanzitutto servire all'erogazione dell'assegno universale che Boeri stesso oggi ha annunciato per gli over 55, confermando dunque la sua intenzione iniziale di voler costituire una 'rete di protezione' per coloro che si ritrovano in forti difficoltà, visto che è aumentato il numero dei 'grandi' che perdono il lavoro e solo 1 su 10 riesce a trovarne uno nuovo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il