BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Pensioni anticipate ultime notizie: prelievo forzo sui conti correnti è legge in vigore ufficiale approvato in silenzio

In caso di crisi, la banca può effettuare un prelievo forzoso da conti correnti, azioni e obbligazioni. Norme in vigore dal primo gennaio 2016. Conseguenze sulle pensioni. Novità e ultime notizie.




Si va verso il prelievo forzoso sui conti correnti più sostanziosi ovvero quelli superiori a 100.000 euro. C'è stato infatti il via libera della Camera dei deputati al cosiddetto bail-in ovvero alla direttiva europea "che istituisce un quadro di risanamento e risoluzione degli enti creditizi e delle imprese di investimento". Facile capire come a essere coinvolti siano anche i pensionati ovvero coloro che hanno risparmiato per molti anni e i cui consumi sono mediamente più ridotti. Occorre precisare come un eventuale prelievo sarebbe possibile solo dal primo gennaio del prossimo anno e comunque in caso di necessità ovvero se il sistema bancario italiano si dovesse trovare in una situazione simile a quello della Grecia.

Con queste norme, si è affrettato a precisare il Ministero dell'Economia, nessun creditore può subire perdite maggiori di quelle che avrebbe sopportato nel caso in cui la banca fosse stata sottoposta a liquidazione. La misura, a ben vedere, è passata quasi sottotraccia. In Aula a Montecitorio i sì alla legge di delegazione europea 2014 che recepisce 58 direttive europee, adegua la normativa nazionale a 6 regolamenti comunitari e attua 10 decisioni quadro, sono stati 270, i no 113, e gli astenuti 22. A qualcuno è venuto in mente il prelievo del 6 per mille su tutti i depositi bancari a opera del governo Amato nel 1992. Anche se la sostanza non cambia, si tratta di altri tempi e situazioni differenti.

Stando alle disposizioni che sono state approvate, "sono escluse dall'applicazione del bail-in alcune categorie di passività, segnatamente quelle più rilevanti per la stabilità sistemica o quelle protette nell'ambito fallimentare, come i depositi di valore inferiore a 100.000 euro, le obbligazioni garantite da attivi della banca, i debiti a breve sul mercato interbancario".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il