BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anticipate ultime notizie: prospettive e attualità analizzate da Fmi dopo Ue, Corte dei Conti, Bce

Il Fondo monetario internazionale intravede segnali di ripresa per l'Italia, ma la strada da percorrere è ancora lunga. Novità e ultime notizie.




Nuovi giudizi sull'Italia, la sua economia, il suo sistema di welfare e le sue pensioni, sono arrivati dal Fondo monetario internazionale. Le valutazioni sono in linea con quelle espresse nelle scorse settimane da altri organismi internazionali: qualcosa è stato fatto, ma è ancora troppo poco per rilanciare il Paese e farlo uscire dalle secche in cui si trova. Per quanto riguarda il welfare, l'effetto combinato di Jobs Act e ripresa è considerato positivo per il calo della disoccupazione, che è ancora troppo alta. Per il Fondo monetario internazionale, il tasso di senza lavoro scenderà al 12,5% nel 2015 e al 12,2% nel 2016. Promossa la riforma del mercato del lavoro: se pienamente realizzato "il Jobs Act creerà migliori incentivi ad assumere e formare i lavoratori".

Se c'è un aspetto da non stravolgere è quello delle pensioni. L'attuale legge previdenziale è infatti una fonte di lauti risparmi per le casse dello Stato e cambiarla profondamente rappresenterebbe un suicidio economico per l'Italia. Lo sanno bene sia il premier Matteo Renzi e sia il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, piuttosto recenti a introdurre modifiche.

Più in generale, l'economia italiana, stando alle analisi dell'organismo coordinato da Christine Lagarde, sta emergendo gradualmente da una prolungata recessione, ma la ripresa è fragile. Le stime di Washington sono di un Pil in crescita dello 0,7% nel 2015 e dell'1,2% nel 2016. La performance economica italiana è stata la più debole nell'area euro dalla crisi. Il nostro Paese è stato bacchettato per la poca velocità sul campo delle sulle privatizzazioni: un processo più rapido, secondo l'Fmi, contribuirebbe a ridurre il debito, sottolineando l'esempio positivo della recente vendita di quote Enel: "Target più ambiziosi sulle privatizzazioni, in linea con i precedenti piani, godrebbero dei vantaggi delle condizioni favorevoli dei mercati".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il