BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Fallimento Grecia: novità, ultime notizie, diretta oggi lunedì. Accordo trovato, è ufficiale. Aggiornamenti tempo reale, diretta

Sono ora decisive per il destino della Grecia. Ma davvero Atene potrebbe uscire dall'euro? Quali sono i possibili scenari per il paese ellenico?




AGGIORNAMENTO:  Oggi, lunedì 13 Luglio 2015, è stato trovato finalmente l'accordo tra U e Grecia. Un accordo unanime come è statao sancirtoda Tusk in un tweet. Le condizioni prevedono ache entro mercoleì il Governo Greco risca a far passare in Parlamento alcune leggi tra cui riforma pensioni e iva, per poi verso fine settimana rientrarà nel piano di salvtaggio dello ESM. Inoltre, vi sarà un fondo di 50 miliarid per le privatizzazioni. E già i tencici si stanno muovendo per un prestito pontealle banche greche per favorire la riaprtura e una normalizazione della vità de cittadini e dell' economia. Novità e ultime notizie ultieriori in arrivo.

 

Domani domenica 27 luglio i 27 paesi che parteciperanno al Consiglio europeo si pronunceranno sul caso Grecia. Anche se trapela ottimismo sulla permanenza di Atene nell'Unione, non si può fare a meno di notare, come al tavolo delle decisioni i cosiddetti falchi saranno più delle colombe. Tra i primi ci sono Germania, Finlandia, Lettonia, Lituania, Estonia, Lussemburgo, Malta, Belgio, Olanda, Slovacchia, Slovenia, Regno Unito, Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria, Svezia, Bulgaria. Tra le colombe ci sono Francia e Cipro mentre paesi mediatori sono Romania, Croazia, Danimarca, Austria, Spagna, Portogallo, Irlanda e Italia. Anche noi di businessonline.it proporremmo aggiornamento in tempo reale con la diretta testuale per tutta la giornata fino all'esito finale.

Ad accrescere l'ottimismo ci sono comunque le puntualizzazioni di alcuni osservatori, secondo cui il Fondo monetario internazionale avrebbe ancora margini per intervenire e aiutare la Grecia. E potrebbe farlo - riporta il Financial Times - ricorrendo all'articolo 5, sezione 7G dei suoi articles of agreement. La norma prevede che se il 70% del board è d'accordo nel dire che un paese si trova ad affrontare condizioni eccezionali, allora è possibile concedergli il tempo necessario per ripagare i suoi debiti all'Fmi. La disposizione tuttavia non è stata ancora mai attuata.

E poi, lasciare la moneta comune è al momento legalmente impossibile. Adottare l'euro, spiegano a Bruxelles, è stata una decisione irrevocabile degli Stati e non esiste nel Trattato alcuna clausola che preveda il percorso per lasciare la moneta unica. E modificare i trattati richiederebbe anni. Questo significa che la Grecia non può essere cacciata dall'eurozona, nemmeno se nei negoziati continuasse a rifiutare le offerte dei creditori. C'è però un altro rischio, più vicino, ribattezzato Graccident ovvero un'uscita accidentale dall'euro. Un simile evento si verificare con un incidente della Grecia se gli eventi dovessero sfuggire di mano. Ad esempio, se la Banca centrale europea decidesse di chiudere la liquidità d'emergenza alle banche elleniche, queste alla riapertura si troverebbero a corto di cash e il sistema bancario collasserebbe in fretta.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il