BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Buoni Pasto cartacei ed elettronici per fare la spesa o vietati. La verità non è così. Novità e spiegazioni settimana

Novità, polemiche e chiarimenti sulla nuova legge sui buoni pasto in vigore da mercoledì primo luglio: cosa prevedono e informazioni




Novità, polemiche e chiarimenti sulla nuova legge sui buoni pasto: da mercoledì scorso primo luglio è infatti, entrata in vigore la nuova norma che vieterebbe di fare la spesa al supermercato con i buoni pasto elettronici. Forniti dal datore di lavoro, attraverso una card, del valore massimo di 7 euro al giorno, invece che di 5,29 euro dei tradizionali buoni pasto cartacei, i nuovi buoni elettronici non potranno essere più spesi nelle giornate e nelle ore non lavorative e per fare la spesa, non saranno cumulabili. Se da un lavoro sale la detassazione per le imprese che li utilizzano, dall’altro, l’uso dei nuovi buoni pasto elettronici costringe ogni esercizio a dotarsi di uno specifico pos per il loro uso. E sono inoltre previste commissioni decisamente elevate.

Basti pensare che in Francia sono fisse al 3% mentre da noi oscillano tra il 6 e il 15%. La prima richiesta fatta direttamente al governo è innanzitutto quella di stabilire un tetto alle commissioni, in modo da rendere agevole l’uso di questi buoni pasti. Secondo Giacomo Portas, leader del movimento dei Moderati e deputato del gruppo Pd, però, la novità “è giusta”. Lui, contrario all'abuso di buoni pasto, ritiene che debbano “servire per mangiare, e non per comprare il detersivo o la maglietta al figlio”, anche se in tempi di crisi avrebbero fatto comodo anche per altri usi.

Restano, però, cumulabili e sempre utilizzabili per fare la spesa, o andare a cena fuori, o per prendere un caffè al bar i buoni pasto cartacei, lì dove vengono accettati. A fornire ulteriori chiarimenti è stata l’associazione Altroconsumo che ha precisato che la possibilità di fare la spesa con i ticket esiste anche per i buoni pasto elettronici, il problema reale è che sono pochissimi gli esercizi commerciali che li accettano.

Secondo Altroconsumo, dunque, non è vero che con i nuovi buoni elettronici non si può fare la spesa, ma per farlo ogni esercizio dovrà dotarsi di un apposito pos, e considerando le lungaggini dell’adattamento italiano alle novità c’è da aspettarsi che passerà molto tempo prima che ogni esercizio abbia il pos adatto. Basti pensare chei Ticket restaurant, i più diffusi, vengono accettati in formato elettronico da appena 4.000 esercizi commerciali contro i 150.000 esercizi che accettano quelli cartacei.

BUONI PASTO: tutte le novità del 2016. Dopo anni di ristagno, finalmente i buoni pasto sono stati "aggiornati". Tante novità in arrivo: limiti più elevati totalmente detraibili, buoni pasto elettronici, ma anche più complicazioni. Vediamo quale effettivamente conviene.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il