BusinessOnline - Il portale per i decision maker








770 2015: ritardi su tutit i fronti compreso software eppure proroga no e semplificazioni al momento

Resa fissata al prossimo 31 luglio la data si scadenza di presentazione del modello 770 2015: software per ordinario e semplificato e cosa fare




Mentre è stata prorogata per tutti la scadenza di presentazione del modello 730 2015 al prossimo 23 luglio, per il modello 770 è confermato al momento il termine fissato già al 31 luglio. I Consulenti del Lavoro, esattamente come accaduto lo scorso anno, avevano chiesto qualche settimana fa un rinvio di presentazione del modello al prossimo mese di settembre, ma il ministro dell’Economia Padoan in settimana ha chiaramente detto che non vi sono motivi oggettivi che possano permettere una proroga, per cui nulla cambia in merito, né tanto meno saranno previste le semplificazioni richieste considerando che i dati e le informazioni del 770 sono in realtà già in possesso dell’Agenzia delle Entrate, visto che sono le stesse riportate sulle nuove Certificazioni Uniche (vecchi Cud) che i sostituti di imposta hanno già inviato al Fisco.

Entro il 31 luglio deve essere effettuato l'invio del modello 770 sia semplificato che ordinario. Il modello 770 semplificato deve essere utilizzato dai sostituti d’imposta, comprese le Amministrazioni dello Stato, per comunicare in via telematica all’Agenzia delle Entrate i dati fiscali relativi alle ritenute operate nell’anno 2014 e tutti gli altri dati contributivi ed assicurativi richiesti.

Il modello contiene i dati relativi alle certificazioni rilasciate ai soggetti che hanno percepito redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati, indennità di fine rapporto, prestazioni in forma di capitale erogate da fondi pensione, redditi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi nonché i dati contributivi, previdenziali ed assicurativi e quelli relativi all’assistenza fiscale prestata nell’anno 2014 per il periodo d’imposta precedente.

Il modello 770 ordinario, invece, deve essere utilizzato dai sostituti d’imposta, dagli intermediari e dagli altri soggetti protagonisti di operazioni fiscalmente rilevanti e che devono comunicare i dati relativi alle ritenute operate su dividendi, proventi da partecipazione, redditi di capitale erogati nell’anno 2014 od operazioni di natura finanziaria effettuate nello stesso periodo, e i dati riassuntivi relativi alle indennità di esproprio e quelli concernenti i versamenti effettuati, le compensazioni operate ed i crediti d’imposta utilizzati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il