BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi ultime notizie riforma: realmente a rischio blocco operatività effettiva due degli enti italiani maggiori

Inps e Agenzia delle Entrate a rischio: i numeri della crisi del’Istituto di Previdenza e i motivi del crollo delle Entrate. Le novità e cosa servirebbe fare




Conti Inps in rosso, buco da miliardi di euro, e Agenzia delle Entrate sull’orlo della crisi: non sono certo incoraggianti le novità e ultime notizie che riportano gli ultimi dati. I dati resi noti dalla relazione della commissione economico-finanziaria dell’Inps per il periodo che va dal 2014 al 2023 mettono in evidenza come il sistema previdenziale italiano presenti grandissimi squilibri e come questo potrebbe incidere pesantemente sui conti dello stato nei prossimi anni. Il bilancio 2014 ha chiuso con un negativo di 12,7 miliardi di euro e oltre 6,6 milioni di pensionati percepisce meno di 1.000 euro al mese e, di questi, 1,9 milioni non supera i 500 euro mensili.

Secondo le previsioni, i deficit che l’Inps dovrà mettere a bilancio nei prossimi anno saranno così imponenti da determinare non solo l’eliminazione totale dell’attivo del 2014, che ammonta a oltre 18,5 miliardi di euro, ma in una decina di anni potrebbero arrivare ad un passivo vicino ai 57 miliardi di euro.

Tra le cause del dissesto, i pesanti passivi del settore pubblico e dei fondi speciali, artigiani e coltivatori diretti, cui si aggiunge il deficit di 5 miliardi di euro all’anno dell’ex Indpai (fondo dei dirigenti pubblici), che porterà ad un disavanzo di 71 miliardi di euro nel 2023; e il deficit del settore legato all’ex Indpap. I conti disastrosi ci sono, dunque, il rosso dell’Istituto è conclamato eppure si cerca di coprire queste drammatiche condizioni.

Tuttavia, bastano questi dati per capire come sia arrivato effettivamente il momento di rivedere gestione e governance dell’’Inps stesso, per evitarne il fallimento e continuare ad assicurare le prestazioni pensionistiche. Non solo Inps: a rischio anche l'Agenzia delle Entrate che dovrebbe riorganizzarsi nella sua gestione. La decadenza dall'incarico dirigenziale dei funzionari incaricati delle agenzie fiscali rappresenta una nota negativa che potrebbe compromettere l'attività dell'Agenzia delle Entrate, con importanti ripercussioni sul Paese. Il lavoro dell’Agenzia delle Entrate è infatti fondamentale non soltanto per garantire controlli fiscali ma anche per assicurare e promuovere un’economia legale tra le imprese e un dialogo tra imprese, Fisco e Stato.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il