BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi ultime notizie riforma: dividere previdenza e assistenza è il risultato che si vuole raggiungere davvero

Separare spesa assistenziale da spesa prettamente previdenziale: conseguenze per novità pensioni e cosa c’è nei progetti del governo. Le novità




Lo aveva già detto l’ex commissario per la spending review Carlo Cottarelli ed ora sono in diversi a confermare la necessità di procedere ad una separazione tra spesa assistenziale e spessa prettamente previdenziale per rendere il sistema pensionistico attuale più sostenibile ma anche equo per tutti. Le novità e ultime notizie hanno confermato che la spesa pensionistica italiana è tra le più alte, forse la più alta, in Europa proprio perché comprende ulteriori voci non prettamente previdenziali, ma classificate come assistenziali, che possono essere cancellate e inserite eventualmente nel capitolo welfare o, come nei progetti dei commissari per la spending review, tagliate del tutto al momento.

Questo porterebbe, come facilmente intuibile, a grandi risparmi, considerando che il valore complessivo di spesa pensionistico-assistenziale si attesta sui 311,11 miliardi di euro, dove il costo della spesa pensionistica reale è di 211,11 miliardi di euro, e i rimanenti 100 miliardi sono per la spesa assistenziale, tra sussidi di disoccupazione, per abitazioni, per le famiglie,o ai superstiti, o per le invalidità, cifra che potrebbe essere decisamente messa da parte dal governo e che permetterebbe sì di intervenire sulle pensioni come si vorrebbe.

La necessità sarebbe quella di ridefinire le politiche redistributive per assicurare uguaglianza per tutti, meccanismo che ora più che mai potrebbe funzionare, considerando che in tempi di crisi come quello che l'Italia sta attraversando, aumenta la domanda di forme assistenziali contro la povertà, e crescono, di conseguenza, anche i costi sociali, a scapito delle entrate contributive che servirebbero, invece, per accrescere la spesa previdenziale. Dunque, dividendo spesa pensionistica da quella assistenziale si inizierebbe ad intraprendere una nuova strada verso equità e risparmio.

Separare spesa assistenziale e spesa previdenziale rientra anche tra le misure del progetto di interventi pensionistici presentato dal presidente dell’Inps Boeri. Ma non solo: è intenzione anche del premier Renzi perseguire questa strada, inserendo modifiche in tal senso, però, nel decreto previdenza con modifiche a 360 gradi di cui si possono intravedere le linee guida nel Def per quanto riguarda i previsti tagli ad agevolazioni e detrazioni fiscali per le famiglie.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il