BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Buoni pasto come funzionano cartacei ed elettronici. Due interpretazioni pur da 1 Luglio 2015 per alcuni si può fare spesa

E’ già i vigore da inizio luglio la nuova legge sull’uso dei buoni pasto elettronici che stabilisce il divieto di fare la spesa. Altroconsumo però smentisce: le ultime notizie




E’ già i vigore da inizio luglio la nuova legge sull’uso dei buoni pasto elettronici che stabilisce il divieto di fare la spesa al supermercato. I buoni pasto elettronici che hanno il valore di 7 euro e non più di 5,20 euro come quelli cartacei, vengono forniti dal datore di lavoro, attraverso una card, non potranno essere più spesi nelle giornate e nelle ore non lavorative e non saranno cumulabili. Inoltre, costringono gli esercizii che li accettano a dotarsi di uno specifico pos con commissioni decisamente elevate.

Se, infatti, in Francia sono fisse al 3%, da noi oscillano tra il 6 e il 15%. La prima richiesta fatta direttamente al governo è innanzitutto quella di stabilire un tetto alle commissioni, in modo da rendere agevole l’uso di questi buoni pasti. Ma serve anche chiarezza sul loro uso: se, infatti, nulla cambia per quelli cartacei che continuano ad essere cumulabili e utilizzabili anche per fare la spesa o in pizzerie e trattorie per cene fuori, purchè convenzionate, per quelli elettronici la situazione non è molto chiara.

La legge stabilisce infatti che non si possono usare per fare la spesa ma l’associazione dei consumatori  Altroconsumo sostiene, invece, che si può fare la spesa anche con i buoni pasto elettronici, il problema reale è che sono pochissimi gli esercizi commerciali che li accettano.

Secondo Altroconsumo, dunque, non è vero che con i nuovi buoni elettronici non si può fare la spesa, piuttosto il divieto comunicato, a suo dire, dipende dal fatto che per farla, ogni supermercato dovrà avere il pos adatto e certamente questa operazione richiederà tempi piuttosto lunghi.

BUONI PASTO: tutte le novità del 2016. Dopo anni di ristagno, finalmente i buoni pasto sono stati "aggiornati". Tante novità in arrivo: limiti più elevati totalmente detraibili, buoni pasto elettronici, ma anche più complicazioni. Vediamo quale effettivamente conviene.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il