BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia, donne, anzianità riforma Governo Renzi: novità part time,contributivo donna a sorpresa più vicini approvazione

Nuove aperture a sorpresa per approvazione part time e proroga del contributivo donna: le ultime notizie e quando potrebbero essere approvati




Mentre continuano a susseguirsi novità e ultime notizie piuttosto contrastanti sulle possibilità di intervento sulle pensioni, all’indomani della presentazione del piano pensioni del presidente dell’Inps Boeri e tra le speranze di tutti di vedere realizzati nella prossima Manovra Finanziaria i cambiamenti auspicati, a sorpresa potrebbero arrivare due nuove leggi: staffetta generazione e part time e proroga del contributivo donna.

Si tratta di norme di cui si discute ormai da tantissimi tempo e che potrebbero ora rappresentare una vera e propria svolta all’andamento delle discussioni previdenziali, diventando, forse, la base di ulteriori interventi.

Nonostante il presidente dell’Inps Boeri durante la presentazione del suo piano pensioni abbia bocciato il part time, un emendamento contenuto nella Delega sulla P.A. è stato approvato in Commissione Affari Costituzionali e prevede per i dipendenti pubblici cui mancano pochi anni al raggiungimento della pensione finale la possibilità di passare da lavoro full-time a part-time, con una riduzione dell’orario di lavoro accettando una riduzione del salario e di continuare a pagarsi i contributi per gli anni restanti alla pensione, come già accade per i lavoratori del settore privato.

La questione potrebbe chiudersi presto considerando che l’emendamento è alla riforma della P.A. su cui Renzi ha deciso di accelerare e che presto, forse, potrebbe essere approvata. Stesso discorso per la proroga del contributivo donna: prima Boeri, poi Renzi, sostenuti da forze sociali e politiche hanno confermato la chiusura a breve di questa partita, in considerazione anche del fatto che per settembre-ottobre è attesa la sentenza alla class action avviata.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il