BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi ultime notizie riforma: quota 100 negata e tasse per tutti, eppure piano Boeri sostenuti da tanti

Nonostante siano stati bocciati i piani di prepensionamento e l’assegno universale sia al momento limitato, il piano pensioni Boeri piace: le ultime notizie




Bocciato piano di uscita con quota 100, a 62 anni di età con 35 anni di età e penalizzazioni, e la staffetta generazione. Nulla su mini pensioni e nulla nemmeno su conferme di proroga del contributivo donna, ma calcolo contributivo per andare in pensione prima, assegno universale limitato solo agli over 55 che perdono il lavoro e non possono andare ancora in pensione, contributo di solidarietà sulle pensioni più elevate: nonostante tante delle misure attese non sono state inserite nel piano pensioni del presidente dell’Inps Boeri, le novità e ultime notizie confermano che è stato apprezzato da tanti, cittadini compresi.

I risultati dei primi sondaggi online, i commenti su forum e social e email che ci arrivano ribadiscono l’appoggio di tanti al piano Boeri nonostante manchino i dettagli specifici, cioè quanto varrà l’assegno universale e modalità di erogazione, o l’impiego preciso del montante contributivo per definire l’uscita dal lavoro prima o dopo, o le soglie delle pensioni che il contributo colpirà e in quali modalità.

Secondo quanto emerso, i cittadini sarebbero favorevoli anche ad una tassa una tantum sulle pensioni e i primi a dirsi favorevoli sono stati proprio i beneficiare della sentenza dell’Alta Corte che hanno dichiarato di essere addirittura pronti a rinunciare ai risarcimenti dovuti per il bene del Paese e il rilancio dell’economia. L’idea è comunque quella di colpire i vitalizi dei politici e di coloro che percepiscono pensioni elevate in parte risultato del vecchio sistema retributivo. Appoggiato anche l’assegno universale che, seppur limitato solo alla fascia di persone di età compresa tra i 55 e i 65 anni, potrebbe essere esteso gradualmente a tutti, come richiesto da sempre dal M5S.

Si attendono i prossimi giorni nuovi importanti appuntamenti che potrebbero definire ulteriori dettagli di applicazione delle misure del piano di Boeri. Dettagli che dovrebbero essere decisi con ministri di Lavoro ed Economia Poletti e Padoan e d’accordo con i sindacati, per soluzioni condivise da tutti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il