BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi: quota 100, assegno universale, mini pensioni bloccati, avanzano privilegi e sprechi

Aumenta la spesa previdenziale per la Camera tra pensioni e vitalizi: servirebbe invece spendign review ed maggiore equità. Le ultime notizie




Ormai ci si avvicina alla pausa estiva e le speranze di novità pensionistiche da definire per poi inserirle nella prossima Manovra Finanziaria di ottobre stanno tramontando. Anzi, le ultime notizie sulle richieste di cambiamenti presentate da forze politiche e sociali per quota 100, mini pensione, piano Damiano sembrano bloccate, così come quella dell’assegno universale per tutti e non solo limitato, come presentato dal presidente dell’Inps Boeri, agli over 55 che perdono il lavoro. E mentre si continua a discutere della necessità di tagliare la spesa pubblica, di separare spesa assistenziale e spesa previdenziale per ridurre privilegi e sprechi, ecco l’ennesima notizia paradossale.

Aumenta la povertà in Italia, sono milioni gli italiani che percepiscono meno di mille euro di pensione al mese, alcuni anche di 500, cala la spesa per stipendi della Camera dei Deputati, ma sale quella per pensioni e vitalizi. Si prevede, infatti, per gli anni 2015-2017, un aumento della spesa previdenziale di ben trentadue milioni ai gruppi parlamentari.

Come ribadito in questi ultimi giorni, la spesa previdenziale dovrebbe essere tagliata in virtù di una spending review ma invece sale e gli ex deputati, fra trattamenti pensionistici, vitalizi e rimborsi loro dovuti, nel 2015 costeranno fino 138 milioni e 720mila euro, con un aumento dello 0,6% rispetto lo scorso anno.

Ammonta, invece, a 85milioni e 400milala spesa per i vitalizi versati a loro direttamente, e di 10,5 milioni quella per le loro pensioni personali. Costano poi 25 milioni e 300 mila euro i vitalizi versati a congiunti come reversibilità e altri 370mila di euro sono loro versati a titolo di pensione; altri 16 milioni nel 2015 saranno rimborsati allo Stato per i vitalizi da questo versati direttamente a ex parlamentari. Nonostante, dunque, si voglia perseguire equità, continuano ad essere mantenuti i privilegi di pochi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il