BusinessOnline - Il portale per i decision maker








770 2015 e Durc Online: proroga e istruzioni aggiuntive con incontro Agenzia Entrate programmato

Novità ufficiali invio Durc online e probabilmente presentazione modello 770 2015 a settembre domani 17 luglio: cosa aspettarsi e ultime notizie Inps




E' fissata per domani, venerdì 17 luglio, la videoconferenza Inps che dovrà fornire nuove informazioni e chiarimenti l sull’invio telematico del Durc online. La videoconferenza servirà per illustrare il nuovo sistema di verifica, funzionalità e modalità d’uso, nell’attesa di eventuali novità ufficiali sulla proroga richiesta. Novità che però potrebbero anche arrivare domani. Il nuovo sistema di verifica della regolarità contributiva Durc Online è in vigore dallo scorso primo luglio ma le richieste da parte dei professionisti abilitati e Consulenti del Lavoro sono quelli di rimandare ufficialmente tale avvio al prossimo 30 settembre, così come avanzato dalla presidente dei Consulenti del Lavoro Calderone.

Il Durc contiene i risultati delle verifiche effettuate parallelamente da Inail, Inps e Cassa Edile sulla posizione contributiva dell'impresa, e permette di verificare la regolarità contributiva con un’unica operazione nelle banche dati di Inps, Inail e Casse Edili, inserendo il codice fiscale del soggetto da controllare. Come detto, oltre che sui portali Inps e Inail, la verifica coinvolge le Casse Edili quando le imprese sono classificate o classificabili ai fini previdenziali nel settore industria o artigianato per le attività dell'edilizia. La classificazione ai fini previdenziali riguarda esclusivamente il codice statistico contributivo (c.s.c.) assegnato dall’Inps ai datori di lavoro operanti nell’edilizia. La verifica includerà quindi la regolarità contributiva nei confronti delle Casse edili se per il codice fiscale indicato è presente negli archivi dell’Inps un c.s.c. edile.
 
Le verifiche online possono essere effettuate da imprese, Pubbliche amministrazioni, Soa, banche e intermediari finanziari. Le banche e gli intermediari finanziari, così come gli altri soggetti delegati alla verifica, devono dotarsi di un apposito atto di delega che il delegante dovrà comunicare agli Istituti. Il servizio l’accesso sarà possibile solo dal portale dell’Inps.

Ulteriori novità ufficiali sono attese anche per i termini di rinvio di presentazione del modello 770 2015. La scadenza attuale è fissata al prossimo 31 luglio ma l’Associazione Nazionale dei Commercialisti ha chiesto il rinvio al prossimo settembre, soprattutto perché i dati contenuti sono gli stessi già riportati nelle Certificazioni Uniche che sono già in possesso dell’Agenzia delle Entrate, inviate dai sostituti di imposta lo scorso marzo.

Il  ministro dell’Economia Padoan qualche settimana fa ha detto che non vi sarebbe stata alcuna proroga al prossimo settembre giacchè non sussistono i motivi oggettivi per il rinvio della trasmissione del modello. Ma tutto sembra ancora in ballo. Ricordiamo che o a luglio o a settembre, l’invio del 770 deve avvenire esclusivamente in via telematica tramite i canali dell’Agenzia delle Entrate.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il