BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anticipate ultime notizie su leggi minime eppure approvate questa settimana. Per chi, come funzionano

C'è la novità dell'introduzione di alcuni ritocchi nel sistema delle pensioni in Italia, ma i veri cambiamenti sono ancora rimandati.




Sono diventati ufficiali gli assegni previdenziali più bassi dal primo gennaio 2016 per effetto della revisione dei coefficienti per il calcolo delle pensioni con quote contributive. La novità è il frutto della conseguenza del decreto del Ministero del Lavoro del 22 giugno scorso e ora pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Stando alle ultime notizie, questo è l'ultimo aggiornamento triennale poiché dalla prossima revisione, nel 2019, gli adeguamenti saranno biennali.

Un lavoratore con meno di 18 anni di contributi al 1995, che accede quest'anno alla pensione di vecchiaia a 66 anni e 3 mesi, a fronte di un montante contributivo di 200.000 euro, avrà una rendita maggiore di 18 euro lordi mensili rispetto a chi andrà in pensione con gli stessi requisiti il prossimo anno.

Tuttavia, dal 2016, la pensione di vecchiaia si conseguirà con 66 anni e 7 mesi e pertanto, fermo restando l'importo del montante contributivo, la pensione scenderà soltanto di 8 euro al mese. L'appuntamento con la revisione complessiva del sistema previdenziale italiano è invece fissato con la prossima manovra finanziaria e dunque solo in autunno. Una base di discussione sulle misure da introdurre è stata fornita da Tito Boeri, presidente dell'Inps, con un piano articolato in 5 punti.

Tra le questioni ancora aperte, per cui hanno cercato una soluzione i parlamentari del Movimento 5 Stelle, c'è quella dei quota 96 ovvero di quei lavoratori del mondo della scuola ovvero quei lavoratori che, nonostante il compimento di 61 anni d'età e il raggiungimento di 35 anni di contributi previsti dalla normativa di riferimento, non sono andati in pensione a causa dell'introduzione delle norme contenute nella riforma Fornero, che non hanno tenuto conto della peculiarità del calendario scolastico. Non c'è stato infatti spazio per l'approvazione di un emendamento ad hoc nell'ambito del recente provvedimento sulla previdenza.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il