BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ultime notizie pensioni anticipate uomini con estensione contributivo assai fattibile se passa seppur ancora difficile per donne

Tra le novità della riforma pensioni ci potrebbe essere l'estensione del contributivo donna e il successivo allargamento agli uomini. Le ultime notizie.




La nuova fase della riforma pensioni potrebbe iniziare dal contributivo donna. Si tratta di dare alle donne l'opportunità di uscire con qualche anno di anticipo in cambio del calcolo dell'assegno previdenziale con il metodo contributivo ovvero sulla base dei contributi versati. A sollecitare lo sblocco di questa situazione è stata anche Maria Luisa Gnecchi, deputato del PD, secondo cui "non intervenire è una cattiveria del sistema nei confronti di tanti che decurtando la loro pensione vogliono un po' di tranquillità. Non vogliamo la luna, dobbiamo risolvere la cosa tutti insieme". Il passaggio successivo sarebbe quello di estendere questa soluzioni anche ai lavoratori.

Tra i sostenitori del ricalcolo dell'assegno per tutti con il contributivo, sui cui in realtà la convergenza è piuttosto ampia sia dentro sia fuori il parlamento, c'è anche Tito Boeri, presidente dell'Inps, che ha di recente presentato un pacchetto di proposte per la revisione del sistema previdenziale. A suo dire si tratta di un passaggio da incoraggiare non solo per ragioni economiche, ma anche per una questione di equità di trattamenti. Il nodo va cercato nella quota dell'importo da rinunciare per poter congedarsi in anticipo dal mondo del lavoro. Stando alle prime stime, la riduzione ammonta a circa il 20-25% rispetto al trattamento attuale.

Ogni ipotesi di modifica delle pensioni va incasellate nel complesso puzzle economico. A frenare su questa possibilità non è tanto l'impegno di spesa complessivo quanto la necessità di disporre in tempi brevi della liquidità necessaria. Diverso è il caso dell'applicazione della somma fra età anagrafica ed età contributiva da raggiungere per andare in pensione, per cui alla fine dei giochi i risparmi sarebbero inferiori. A ogni modo, per finanziare il provvedimento, Boeri potrebbe insistere sull'applicazione di un contributo aggiuntivo sulle pensioni più alte.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il