BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ultime notizie pensioni anticipate: si perfezionano misure piano Boeri con Padoan, Renzi, Poletti e un punto sembra già approvato

Non sarà semplice portare a casa le novità sulle pensioni proposte dal presidente dell'Inps. C'è innanzitutto da convincere il governo.




Tito Boeri, presidente dell'Inps, ha illustrato il suo piano di revisione delle pensioni in Italia. Non sono mancate le novità in un pacchetto di proposte che ha cercato di coniugare le esigenze sociali con la sostenibilità economica. Più nel dettaglio, sono 5 i cardini del suo progetto di riforma: il reddito minimo, l'unificazione dei trattamenti, l'armonizzazione dei regimi, le uscite flessibili, più contributi aggiuntivi. Resta da capire quali e quanti di questi suggerimenti troveranno spazio, tenendo conto che, soprattutto all'esterno del parlamento, hanno trovato apprezzato. Saranno naturalmente decisivi i colloqui e i confronti con il premier Matteo Renzi e gli esponenti del governo, in particolare i ministri Pier Carlo Padoan (Economia) e Giuliano Poletti (Lavoro e Politiche Sociali).

Il punto è che non sono andate giù ai partiti politici l'esclusione di alcune delle ipotesi più dibattute, come l'applicazione di quota 100 ovvero della somma fra età anagrafica ed età contributiva da raggiungere per andare in pensione, rilanciata di recente anche dalla Lega, la staffetta generazionale per legge e l'introduzione di una penalizzazione massima dell'8% per chi si ritira prima del raggiungimento di 62 anni di età e 35 anni di contributi, così come proposto dal presidente della commissione Lavoro alla Camera dei deputati Cesare Damiano.

Potrebbe però trovare spazio l'allentamento dei vincoli della ricongiunzione onerosa dei contributi a partire dal primo gennaio 2016, così come suggerito dallo stesso Boeri. Attualmente l'onere viene determinato in relazione alla collocazione temporale dei periodi ricongiunti e alla loro valutazione ai fini pensionistici. L'importo da pagare viene notificato dall'Inps con il provvedimento di accoglimento della domanda di ricongiunzione in cui sono indicate le modalità da seguire per il pagamento e sono precisati i termini previsti per effettuare il versamento.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il