BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anticipate ultime notizie: già legge Poletti e Boeri in vigore limitata e minima per l' assegno universale. Per chi, come

In attesa di novità concrete sulle pensioni in Italia, è già iniziata la sperimentazione dell'Assegno di disoccupazione. Le categorie interessate.




Nel contesto della riforma pensioni occorre mettere in conto anche la novità della sperimentazione dell'Assegno di disoccupazione (Asdi), per i lavoratori che hanno percepito la Naspi per l'intera sua durata, non hanno ancora trovato un impiego e si trovino in una condizione economica di bisogno. Almeno per ora gli interventi sono riservati in via prioritaria ai lavoratori appartenenti a nuclei familiari con minorenni e a quelli in età vicina al pensionamento, ma che non hanno ancora maturato i requisiti per il congedo definitivo dal mondo del lavoro. L'Asdi viene erogato per una durata massima di sei mesi ed è pari al 75% dell'ultimo trattamento Naspi.

In qualche modo si tratta di una misura che ha molte similitudini con l'assegno universale in favore delle categorie economicamente più bisognose o del ponte previdenziale per gli over 55, così come sostenuto con sfumature diverse del presidente dell'Inps Tito Boeri e dal ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti. Il governo ha già messo sul banco 180 milioni di euro per finanziare il sussidio nel 2016, 270 milioni di euro nel 2017, 170 milioni di euro nel 2018 e di 200 milioni di euro annui dal 2019.

Dal primo maggio è poi in vigore la Naspi, che viene rapportata alla retribuzione imponibile ai fini previdenziali degli ultimi 4 anni utili, comprensiva degli elementi continuativi e non continuativi e delle mensilità aggiuntive, divisa per il numero di settimane di contribuzione e moltiplicata per il coefficiente 4,33. L'indennità mensile, ridotta progressivamente del 3% dal quinto mese di fruizione, non può superare nel 2015 l'importo di 1.300 euro. La durata è pari alla metà delle settimane di contribuzione degli ultimi 4 anni. Per poterne fruire occorre presentare domanda all'Inps per via telematica entro 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il