BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi ultime notizie: Boeri attacca duramente ancora Ministero Lavoro e Lega, Pd, M5S, Forza Italia

Nuovi attacchi dal presidente dell’Inps Boeri a governo e vitalizi dei politici: le novità e cosa vorrebbe cambiare. Ultime notizie




Dopo l'attacco al mondo politico di qualche tempo fa, il presidente dell'Inps Boeri torna con novità piuttosto critiche nei confronti del governo e dei diversi partiti politici. Dopo aver bocciato la maggior parte delle proposte presentate da Pd, Lega, M5S, da piano di quota 100 a piano Damiano, mini pensione, part time e nulla nemmeno sull’aumento delle pensioni minime, ora lascia intendere di essere scettico nei confronti della creazione dell'ispettorato nazionale.

Nonostante sia, infatti, condivisibile l'esigenza di unificare l'azione ispettiva, Boeri ritiene che “l'istituzione e un apposito Ente pubblico (l'Ispettorato nazionale del lavoro) non sia lo strumento più idoneo ed economico per realizzare questi obiettivi, perché la creazione di una nuova agenzia, così come prospettato è costosa”.

Il dubbio di Boeri è se la costituzione dell'agenzia è quella di garantire un più forte controllo politico o di indirizzo sulle attività ispettiva ed è questo dubbio che condiziona fortemente anche il pensiero critico di Boeri. Crescono anche le divergenze con il ministro del Lavoro Poletti, in particolare, soprattutto sulla tipologia di legge per andare in pensione prima proposta e per la modulazione dell’assegno universale solo per gli over 55.

Ma soprattutto, in un clima che mira soprattutto a ristabilire equità e uguaglianza, il presidente dell’Inps riparte all’attacco dei vitalizi degli ex parlamentari che, senza mezzi termini, “non rendono un grande servizio all’immagine del Parlamento” come ha sottolineato. Boeri si scaglia essenzialmente conto quelli che vengono definiti gli “odiosi privilegi esistenti nel passato” e che hanno portato a quelle iniquità sociali che oggi bisogna ‘sistemare’. Nonostante i vitalizi non rientrino nelle materie dell’Inps, il presidente Boeri, considerando l’obiettivo di revisione del gap sociale e di riportare equità, chiede al governo che vengano stabiliti requisiti precisi per beneficiare dei vitalizi. L’ipotesi migliore sarebbe quella di concederli solo a chi effettivamente di esser disoccupato o percepire redditi bassi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il