BusinessOnline - Il portale per i decision maker








770 2015 proroga semplificato e ordinario: discussioni continuano. Terza lettera ufficiale, attesa Agenzia Entrate risposta

Continuano le discussioni sulla richiesta di proroga di presentazione del modello 770 2015 e si attendono ancora risposte ufficiali dall’Agenzia delle Entrate: le ultime notizie




Continuano le discussioni sulla richiesta di proroga di presentazione del modello 770 2015 e si attendono ancora risposte ufficiali dall’Agenzia delle Entrate. Il presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Commercialisti e dei Revisori Contabili, Gerardo Longobardi, ha inviato una nuova lettera al ministero dell'Economia e all'Agenzia delle Entrate ha chiesto ufficialmente la proroga della scadenza dei termini per la presentazione del modello 770 2015. Il termine di scadenza attualmente è fissato al 31 luglio, ma la richiesta è quella di prorogare il termine di scadenza al prossimo 20 settembre.

La richiesta di proroga è stata presentata soprattutto per facilitare le scadenze degli adempimenti fiscali fissati per luglio. Il 31 scade, infatti, anche il termine di invio delle Certificazioni Uniche per i lavoratori autonomi, e in considerazione del fatto che le stesse Cu contengono gli stessi dati che bisogna riportare anche nel 770, per cui già in possesso del Fisco.

La richiesta di proroga di invio del 770 2015 al 20 settembre segue quella già avanzata, nelle scorse settimane,sempre dall’Associazione Nazionale Commercialisti (ANC) e dai Consulenti del Lavoro che, rivolgendosi sempre al ministero dell’Economia Padoan, aveva chiesto sia la proroga ma anche che la proroga fosse concessa con largo anticipo rispetto alla scadenza stabiluta.

E si potrebbero aprire nuove trattative, nonostante il ministro Padoan abbia già chiuso alla possibilità di slittamento di invio del modello, spiegando che non ci sono motivazioni tecniche tali da dover rinviare la scadenza di presentazione del 770. Il presidente Longobardi è tornato a ribadire che l’ennesima richiesta mira ‘consentire a tutti i commercialisti l'effettuazione dell'adempimento con la dovuta diligenza’.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il