BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anticipate ultime notizie: tutto bloccato compreso assegno universale in prova e part time ridimensionato fortemente

Le ultime notizie sulle pensioni raccontano di una situazione ingessata mentre a livello regionale ci sono i primi provvedimenti concreti.




Quali sono le principali novità nel dibattito sulle pensioni? Mentre a livello nazionale prosegue il dibattito sulla possibile introduzione dell'assegno universale, a livello locale sono già in corso le prime sperimentazioni. In Friuli Venezia Giulia per accedere a questa misura di sostegno al reddito ovvero il percepimento di 550 euro al mese, occorre essere residenti da almeno due anni e dichiarare un Isee inferiore ai 6.000 euro all'anno. Un provvedimento simile è in dirittura d'arrivo in Lombardia, dove vengono richiesti 5 anni di residenza. La provincia di Trento è stata tra le prime in Italia a introdurre il reddito di garanzia per i cittadini in stato di indigenza. In questa direzione si è mossa anche la Regione Molise.

A livello pubblico, la possibile concessione dell'opportunità del part time su base volontaria per i dipendenti più anziani così da favorire il graduale ricambio generazionale sembra aver subito una battuta d'arresto. Il motivo è semplice: chi paga i contributi? Se il lavoratore può essere disposto a rinunciare a una parte dello stipendio per avere maggiore tempo libero alla luce dell'allontanamento del traguardo del congedo, difficilmente verserebbe di tasca propria quella parte di contribuzione mancante. Nella prima stesura della riforma della pubblica amministrazione, l'onere sarebbe spettato allo Stato, ma ora la questione è di nuovo in gioco.

C'è maggiore comunanza di intenti sull'estensione del cosiddetto contributivo donna ovvero della possibilità di andare in pensione anticipatamente optando per il calcolo dell'assegno previdenziale con il meno vantaggioso sistema contributivo. Allo stato la data del 31 dicembre 2015 è l'ultima per sfruttare questa opportunità. Tuttavia ogni ipotesi di cambiamento è finora rimasta ferma sulla carta. Si sbloccherà con la prossima manovra finanziaria?

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il