BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi ultime notizie riforma: quota 100, part time, assegno universale e il caso Germania mai ai livelli attuali

La Germania viene indicata come il modello da seguire per fare la riforme, anche quelle delle pensioni. Ecco come funziona il suo welfare.




Quello della Germania è il modello a cui deve ispirarsi l'Italia per fare la riforma delle pensioni e, più in generale, quella del welfare? Secondo le ultime notizie del Frankfurter Allgemeine Zeitung la risposta è affermativa. Anzi, il paese teutonico è diventato il faro per l'Europa per via del benessere schizzato alle stelle? I motivi sono vari: più utilizzo di mezzi pubblici, meno consumo di benzina, più donne in posizioni di potere, alimentazione più sana, più utilizzo di fonti di energia verde, più diritti civili. Il tutto viene naturalmente sostenuto da una prolungata stabilità economica.

Come funziona il welfare in Germania? C'è in vigore un'indennità di disoccupazione (60% dell'ultimo salario netto massimo per 12 mesi, 67% con figli a carico) per chi ha perso il lavoro e ha lavorato per almeno 1 anno negli ultimi 3. Sussidio per tutti i senza lavoro da almeno un anno (in media 300 euro al mese) più aiuti per affitto e spese generali. Chi riceve il sussidio deve dimostrare di essere alla ricerca attiva di lavoro e non può rifiutare proposte lavorative, pena sanzioni fino alla sospensione delle indennità. Da accettare anche i lavori socialmente utili a 1 euro l'ora

Prevista poi una certa flessibilità contrattuale. Esistono i minijob ovvero contratti precari, di basso costo, senza contributi e assistenza sanitaria, e i midjob: contratti atipici con retribuzione massima di 400 euro e senza il versamento di contributi. Dal primo gennaio di quest'anno è in vigore lo strumento del salario minimo (già inserito nel Jobs Act italiano ma senza darne seguito nei decreti attuativi) pari a 8,5 euro all'ora. Sono esclusi apprendisti, disoccupati di lungo periodo, minori di 18 anni. C'è da considerare che il reintegro del lavoratore per licenziamento illegittimo è possibile, ma i numeri dimostrano come nella realtà viene raramente applicato.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il