BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi: non bastano quota 100, assegno universale.Richieste cancellazione totale sempre più

Dopo tante richieste di modifiche pensioni ora si chiede di nuovo la totale cancellazione dell’attuale legge: le novità




Se nel corso di questi ultimi due anni si sono susseguite richieste di modifica dell’attuale legge pensionistica e sono state presente diverse novità, da piani di prepensionamento con quota 100, mini pensione, a 62 anni con 35 anni di contributi e penalizzazioni, all’introduzione dell’assegno universale, agli aumenti delle pensioni minime, ora arriva il grande passo: le ultime notizie confermano, infatti, al di là di ogni modifica, la richiesta di una cancellazione totale dell’attuale legge. Lo aveva già fatto qualche mese fa la Lega, avanzando la proposta di un referendum abrogativo e il ritorno alle vecchi norme pensionistiche.

Queste avrebbero permesso anche la soluzione immediata di casi come quota 96 della scuola ed esodati, nati da errori di formulazione dell’attuale legge stessa. Ma il referendum è stato bocciato dall’Alta Corte. Ora però la volontà di abolizione è tornata a farsi sentire più forte che mai.

Solo pochi giorni fa, infatti, Renato Brunetta, ha piegato che sarebbe anche urgente eliminare la legge in vigore oggi che prodotto più danni che vantaggi seppur, come sostiene il ministro dell’Economia Padoan, sia l’unica in grado di garantire sostenibilità economica all’Italia in crisi.

Anche il presidente della regione Lombardia Maroni è di questo avviso: secondo Maroni, infatti, prima di qualsiasi intervento bisognerebbe innanzitutto abolire completamente la legge previdenziale oggi in vigore, in modo da risolvere immediatamente i drammi sociali creati. Ma se procedere con leggere modifiche senza cambiare l’intera struttura della riforma sta già comportando notevoli difficoltà e sta incontrando ostacoli da parte dell’Ue, sarebbe quasi impossibile cancellarla.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il