BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ultime notizie pensioni anticipate incontri previsti tra cui Commissione Giovedì e notizie, novità della settimana

Le ultime notizie sulle pensioni riferiscono di una situazione in fibrillazione che è ancora alla ricerca di una sua stabilizzazione.




C'è sempre il quadro delle pensioni che attende di essere sistemato. Ragionamenti e novità prendono le mosse anche dal boom delle pensioni di anzianità. In particolare la crescita è stata del 108% nei primi 6 mesi per effetto della finestra introdotta con l'ultima legge previdenziale. La tendenza è all'aumento sia tra gli autonomi, soprattutto artigiani, sia tra i dipendenti. L'importo medio degli assegni anticipati è stato di 1.916 euro contro i 1.765 euro dello scorso anno.

C'è poi da segnare sul calendario la data di giovedì 30 luglio, quando è prevista la nuova riunione della commissione Lavoro della Camera dei deputati. L'incontro ha una duplice importanza. La prima è di ordine tecnico: l'organismo parlamentare prosegue infatti la sua discussione alla ricerca della migliore strada per ritoccare il welfare, con particolare attenzione sul versante delle pensioni. La seconda è di carattere politico: nonostante appartenga alla minorazione del Partito Democratico, il premier Matteo Renzi ha confermato Cesare Damiano alla guida della commissione in un periodo in cui sta ripensando tutte le posizioni. Sarà proprio Damiano l'anello di congiunzione tra le posizioni riformiste e quelle conservatrice in seno al Partito Democratico.

E mentre si discute di cambiamenti nelle pensioni, tagli alla pressione fiscale sulle famiglie e Renzi promette l'abolizione della tassa sulla prima casa, l'Istat fa i conti: nel 2014 i tributi per le imprese sono calate del 9,9%, con un risparmio di 2,6 miliardi. Utilizzando un nuovo modello di microsimulazione basato sulle dichiarazioni fiscali, gli analisti hanno calcolato che oltre metà delle aziende, più precisamente il 57,3%, ha goduto di una pressione fiscale più bassa. Secondo l'Istat, la riduzione è dovuta alle misure sull'Ace (Aiuto alla crescita economica) e l'Irap ma "la pressione fiscale rimane alta nel commercio e nelle piccole imprese".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il