BusinessOnline - Il portale per i decision maker








770 2015 proroga ufficiale insieme a CU ufficiale pubblicata in Gazzetta Ufficiale oggi giovedì 30 Luglio, stasera.

Firmata dal ministro Padoan la proroga di invio del 770 al prossimo 21 settembre. Proroga dei terimini di invio anche delle Cu per gli autonomi. Cosa si attende ora?




AGGIORNAMENTO: Finalmente questa sera, in gazzetta ufficiale è stata pubblicata la proroga del tanto atteso 770 2015 e quindi di conseguenza delle Cu al 21 Settembre. Ora è davvero tutto ufficiale.

Il ministro dell’Economia Padoan ieri, martedì 28 luglio, ha firmato il decreto del presidente del Consiglio dei Ministri che rende effettiva la proroga della scadenza di invio del Modello 770 2015 al prossimo 21 Settembre. Dopo la firma, è attesa tra oggi, mercoledì 29 luglio, e domani, giovedì 30 al massimo, la  pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Nel corso del tavolo tecnico di ieri tenutosi al Ministero dell’Economia, i professionisti del settore hanno presentato anche un documento per la semplificazione fiscale a costi zero per l'Erario e lo Stato.

La proroga al prossimo settembre della trasmissione del 770 2015 automaticamente implica il rinvio della scadenza anche dei termini per la presentazione della Certificazione Unica 2015 per i lavoratori autonomi, anch’essa richiesta sia dai contribuenti che dalla associazioni di categoria.

L’annuncio ufficiale della proroga del Modello 770 era stato dato, invece, alcuni giorni fa, dal Viceministro dell’Economia, Luigi Casero, intervenuto in un question time alla Camera, occasione durante la quale ha annunciato anche una revisione complessiva del calendario delle scadenze fiscali.

Dovrebbe, dunque, essere prevista una riorganizzazione degli adempimenti fiscali per i professionisti abilitati in modo da non creare, come ormai ogni accade, un accavallamento di scadenze tali da portare sempre a richiedere proroghe, puntualmente accordate solo e soltanto qualche giorno prima della naturale scadenza stessa, e portando i professionistici, insicuri dell’approvazione dei rinvii, comunque a lavorare incessantemente per non incorrere in eventuali sanzioni, per loro e i propri clienti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il