BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Windows 10: trucchi. Bloccare aggiornamenti automatici, scaricare subito gratis senza aggiornamento automatico, personalizzazioni

C'è la possibilità di aggiornare subito il proprio PC al nuovo sistema operativo di Microsoft così come bloccare gli update automatici.




Da oggi mercoledì 29 luglio 2015 si può scaricare Windows 10, il nuovo sistema operativo di Microsoft. In realtà, il rollout sta procedendo per gradi e coinvolge prima gli iscritti al programma Windows Insider Program e quindi coloro che lo hanno prenotato fino a ieri. Il software è gratuito per i prossimi 12 mesi. Condizione imprescindibile è l'equipaggiamento con Windows 7 Service Pack 1 o il più recente update Windows 8.1. Sono anche richiesti un processore da almeno 1 GHz oppure SOC, accompagnato da 1 GB di RAM per sistemi a 32-bit o da 2 GB per sistemi a 64 bit, 16 GB di spazio su disco rigido per sistemi a 32-bit, 20 GB per sistemi a 64-bit, scheda video directX 9 o versioni successive con driver WDDM 1.0, schermo 1.024 x 600 pixel.

Tuttavia è già possibile installare l'aggiornamento scaricando le immagini ISO di Windows 10 da questa pagina. Sono disponibili sia per la versione a 32-bit sia per quella a 64-bit. Anche in questo caso ci sono dei requisiti da rispettare ovvero la disponibilità di almeno 4 GB di spazio libero e il possesso del codice Product Key di Windows. Caratteristica di questa nuova versione del sistema operativo è la gratuità anche dei successivi aggiornamenti. Si tratta di un dettaglio non di poco conto, considerando che, stando a quanto dichiarato dalla multinazionale statunitense, non ci sarà più alcun grande lancio di una major release, ma si procederà a colpi di update.

Occorre però considerare che gli aggiornamenti saranno obbligatori e gli utenti non ne avranno in controllo. Non è un caso che l'installazione di alcuni driver di Nvidia per aggirare questa forzatura stia causando qualche problema di stabilità di troppo. A ogni modo, anche in questo caso c'è però una soluzione, rappresentata dal tool presente in questa pagina. Si ricorda infine che l'aggiornamento a Windows 10 coinvolte anche le copie piratate, anche se i consumatori vedranno comparire sul desktop l'invito ad acquistare una versione originale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il