BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Rimborso pensioni agosto, risarcimenti: a chi spetta subito, quanto si riceve secondo decreto governo Renzi 2015 ufficiali.Calcolo

Scattano dal prossimi mese i rimborsi delle pensioni. Ecco a chi spettano le somme e gli importi relativi. Non occorre presentare domanda.




Al via da agosto 2015 la procedura di rimborso delle pensioni in seguito alla sentenza dell'Alta Corte. Sarà l'Inps a ricostruire d'ufficio i trattamenti pensionistici. Non è quindi necessario presentare domanda all'Istituto di previdenza nazionale. L'unica eccezione riguarda gli eredi del pensionato deceduto. In questo caso la domanda va presentata entro i termini di prescrizione, che di norma sono pari a 5 anni. Hanno diritto al rimborso le pensioni che vanno da 1.450 euro lordi (sotto questa soglia la perequazione è stata riconosciuta) a 2.850 euro lordi. Gli enti che erogano vitalizi a chi ha svolto uffici elettivi non dovranno comunicare nulla al Casellario centrale dei pensionati ma rispondere alle richieste dell'Inps.

Il meccanismo prevede una restituzione parziale della rivalutazione non riconosciuta: tra il 10% e il 40% di quanto perso per gli anni 2012-2013 e il 20% di quanto erogato per gli anni precedenti, per il 2014. Più in dettaglio: per le pensioni tra tre e quattro volte il minimo (tra 1.500 e 2.000 euro lordi al mese) la rivalutazione per il 2012-13 sarà del 40% dell’inflazione (2,7% per il 2012, 3% per il 2013); per le pensioni tra 4 e 5 volte il minimo (tra 2.000 e 2.500 euro lordi al mese) sarà del 20%; per le pensioni tra 2.500 e i 3.000 euro lordi al mese la rivalutazione sarà solo pari al 10% di quanto perso.

Il rimborso dei trattamenti pensionistici per gli anni passati sarà sottoposto a tassazione separata. Questa modalità di tassazione consente di evitare di cumulare con il reddito complessivo di un dato anno i redditi prodotti in periodi di imposta precedenti, che vengono quindi sottratti all'assoggettamento fiscale progressivo. Su questi arretrati l'imposizione avviene con un'aliquota media più favorevole per il contribuente e non vengono applicate le addizionali.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il